Minaccia Ue all’Italia: “Migliori i conti o scatta la procedura”

A conferma che le Politiche del 4 marzo rappresentano uno spauracchio per l'Eurozona

Se nelle scorse settimane sia il commissario agli Affari Economici e Finanziari, Pierre Moscovici, sia il vicepresidente Dombrovskis, avevano parlato dei timori degli ambienti europei rispetto alle prossime elezioni Politiche italiane del 4 marzo, ora l’Ue alza il tiro. La lettera inviata il 22 novembre da Dombrovskis e Moscovici al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan “riflette in modo fedele ed accurato le conclusioni del dibattito tenuto dal collegio la settimana scorsa, sottolineando le preoccupazioni che riguardano la situazione di bilancio dell’Italia e l’annuncio di una nuova fase nel maggio 2018”. Dombrovskis ha spiegato che “se la situazione non migliorerà, la Commissione potrebbe adottare un rapporto, a norma dell’articolo 126 (3) del Tfeu, in maggio ed aprire una procedura per deficit eccessivo”. Lo riporta il verbale della riunione della Commissione Europea tenutasi lo scorso 22 novembre a Bruxelles.

La possibilità di aprire una procedura per deficit eccessivo, implicita, non era esplicitata nella lettera inviata al Tesoro, in cui si sottolineava, tra l’altro, “l’importanza di non fare marcia indietro sulle importanti riforme strutturali, in particolare per quanto riguarda le pensioni, che sono alla base della sostenibilità a lungo termine del debito”.

“Italia caso più complesso” – Per la Commissione Europea, l’Italia è “il caso più complesso” tra i cinque Paesi che hanno presentato documenti programmatici di bilancio per il 2018 a rischio di ‘non compliance’ con il patto di stabilità.

La Commissione ha chiesto all’Italia, all’Austria, al Belgio, al Portogallo e alla Slovenia di prendere “tutte le misure necessarie” ad assicurare che i bilanci 2018 siano in linea con il patto, ha ricordato Dombrovskis ai colleghi.

“Per quanto riguarda l’Italia – si legge – che era il caso più complesso, il commissario agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici e il vicepresidente Dombrovskis hanno preparato una lettera per il ministro delle Finanze, esprimendo le loro preoccupazioni, chiedendo chiarimenti ed annunciando l’intenzione della Commissione, nella primavera del 2018, di rivalutare se il debito italiano sia in linea con il patto di stabilità”.

Dombrovskis, riferisce ancora la Commissione, “ha fatto brevemente riferimento al livello del debito pubblico italiano, ad un livello molto elevato dal 2015. La procedura per deficit eccessivo non è stata aperta perché i fattori rilevanti non la giustificavano nel 2016, in particolare in considerazione del fatto che il documento programmatico di bilancio era stato considerato largamente in linea e del fatto che l’Italia aveva beneficiato di tutte le clausole di flessibilità previste dalle regole attuali”.

Il documento programmatico di bilancio 2018, ha continuato Dombrovskis, “era a rischio di non-compliance, anche tenendo conto del margine di discrezionalità e della riduzione dello sforzo strutturale richiesto, dallo 0,6% allo 0,3%”.

Per questo, ha concluso, “la Commissione ha richiesto all’Italia di adottare tutte le misure necessarie ad assicurare, secondo la propria procedura interna di redazione del bilancio, che il bilancio 2018 sia in linea con il patto di stabilità”.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Economia, tasse, lavoro: le proposte dei partiti politici per le elezioni del 4 marzo
Canone Rai, tasse, Fornero: quanto costano davvero le promesse elettorali
Stipendi d’oro per i dipendenti di Camera e Senato: fino a 480mila euro
Flat tax, cos’è e come funziona
Paese che vai, Flat tax che trovi: ma non c’è nessuna prova che funzioni
Derivati: la guerra dei Comuni italiani contro le banche
Speciale: tutti i bonus e le detrazioni della Manovra

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Minaccia Ue all’Italia: “Migliori i conti o scatta la proc...