Millennials: l’84% dei giovani italiani è pronto ad emigrare

Il “Rapporto 2016 sulla condizione giovanile in Italia” della Fondazione Toniolo

Una fotografia della generazione dei Millennials, presentata all’Università Cattolica di Milano dall’Istituto “Giuseppe Toniolo” che ha realizzato il “Rapporto 2016 sulla condizione giovanile in Italia”, rivela ambizioni e paure dei giovani italiani nel 2016, prendendo in esame oltre 9mila giovani tra i 18 e i 33 anni con titolo di studio, condizione lavorativa e residenza diverse. Ne viene fuori un ritratto meno ‘antipolitico’ di quanto si potrebbe pensare, e comunque sfiduciato ed orientato a cambiare aria.

Per tre quarti di essi, infatti, le opportunità offerte dal proprio Paese sono peggiori rispetto alla media degli altri Paesi sviluppati e l’84% è disposto a emigrare pur di migliorare le proprie condizioni di vita e di lavoro.

FIDUCIA NELLA POLITICA – Un dato sorprendente e in leggera controtendenza rispetto agli ultimi vent’anni. Se è vero, infatti, che nella classifica della fiducia verso le istituzioni rimangono al primo posto le forze dell’ordine (52,4%) e la scuola (50,2%), va registrato che tra il rapporto 2013 e l’attuale ci sono delle variazioni rilevanti: l’Unione Europea è passata dal 41,9% di giudizi positivi al 32,9%. A crescere, invece, sono i partiti politici: nel 2013 solo l’8,5% dei ragazzi dava loro fiducia, mentre oggi sono il 14,8%. Ma anche Camera e Senato vengono promossi guadagnando oltre 4 punti percentuali ciascuno.

RELIGIONE – Diverso a seconda del titolo di studio e la tipologia di scuola frequentata, il giudizio rispetto alla credenza e alla pratica religiosa. Solo il 10,6% dei giovani cattolici va a Messa settimanalmente e chi ha un titolo di studio basso si definisce ateo (26,9%).

IMMIGRAZIONE – Trapela un atteggiamento ambivalente: di apertura in senso umano, di timore in senso macroeconomico. L’Italia ha infatti la percentuale più elevata di giovani (88%) che ritengono che gli immigrati siano troppi.

VIA DALL’ITALIA – Per tre quarti dei ragazzi italiani le opportunità offerte dal proprio Paese sono peggiori rispetto alla media degli altri Paesi sviluppati, e l’84% è disposto a emigrare pur di migliorare le proprie condizioni di vita e di lavoro. I nostri ragazzi desiderano avere figli, ma la crisi della fecondità che nel 2015 ha toccato il record negativo mondiale è condizionata dalla reale uscita dalla crisi.

Leggi anche:
Erasmus, le città più economiche
L’erasmus delle assunzioni per il lavoro all’estero
Financial Times: “Per essere milionari non serve la laurea”

Millennials: l’84% dei giovani italiani è pronto ad emigra...