Mercato libero luce e gas: come scegliere le offerte per risparmiare in bolletta

Dal 1 luglio 2022 ci sarà il passaggio obbligato dal mercato tutelato a quello libero. Ecco come scegliere la miglior offerta

Dopo il tira e molla delle passate settimane, il tema del passaggio dal mercato a maggior tutela a quello libero è tornato in auge. Gli intestatari delle utenze luce e gas, giocoforza, hanno provato a capire quali siano le differenze tra i due mercati, se avessero già effettuato il passaggio dal tutelato al libero e quale dei due fosse il più conveniente.

Domande a cui potranno dare risposta entro il 1 luglio 2022, quando il mercato tutelato sarà “chiuso” (a meno che non ci siano altre proroghe e rinvii) e tutti i consumatori con un’utenza luce o gas attiva dovranno scegliere un’offerta del mercato libero. Domande a cui ha tentato di dare risposta SoSTariffe.it, portale su cui è possibile effettuare delle comparazioni tra le offerte luce e gas del mercato libero e non solo.

In una ricerca recentemente pubblicata, gli esperti di SoSTariffe.it hanno affrontato il tema della convenienza economica, dimostrando che il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero può consentire di risparmiare diverse decine di euro ogni anno. A patto, però, di scegliere in maniera accorta l’offerta luce e l’offerta gas che meglio si adatta al proprio stile di vita e consumo.

Differenze tra mercato tutelato e mercato libero luce e gas

La differenza maggiore tra il mercato di maggior tutela e il mercato libero sta nelle modalità con le quali vengono determinate le tariffe della materia prima gas e della componente energia.

Per il mercato tutelato, i prezzi del gas e della corrente sono determinati su base trimestrale dall’ARERA, l’autorità di regolazione per energia, reti e ambiente e i vari fornitori che operano in questo settore non possono distaccarsene.

Per il mercato libero invece, i costi delle tariffe luce e gas sono determinati autonomamente dai fornitori, che possono scegliere il costo che preferiscono.

Bisogna però fare attenzione: il costo finale del kilowattora (per fornitura luce) e del metro cubo (per fornitura gas) è determinato solo in parte dalla tariffa scelta dal fornitore. In ballo, infatti, ci sono anche altre voci di costo e il prezzo del kWh o del metro cubo incidono in maniera variabile per una percentuale che può andare dal 20% circa al 50% circa.

Nei fogli informativi che i fornitori sono tenuti a darvi prima della sottoscrizione del contratto, trovate la percentuale indicativa di quanto il costo del chilowattora o del metro cubo gas incideranno sul prezzo finale della bolletta.

Sono obbligato a passare al mercato libero?

Come detto, fino al 30 giugno 2022 sopravviverà il “dualismo” tra mercato tutelato e mercato libero, mentre a partire dal 1 luglio 2022 ci sarà il passaggio “obbligato” alle offerte del mercato libero. Fino a questa data (e checché possano dirvi gli operatori dei call center, spesso multati per il loro comportamento poco corretto) i consumatori sono liberi di scegliere il mercato che preferiscono.

Possono scegliere di restare con il contratto del mercato tutelato; optare per il passaggio al mercato libero o, se lo ritenessero più economico, tornare in quello tutelato.

Il cambio può avvenire con le tempistiche che si preferiscono: a differenza di altri mercati, quello della luce e del gas non prevede alcun vincolo contrattuale e, di conseguenza, nessuna penale da pagare per il passaggio da un operatore all’altro o per il passaggio dal mercato libero a quello tutelato (e viceversa).

Per assurdo, nel caso trovassi un’offerta più conveniente potresti decidere di passare a un nuovo fornitore di luce o gas anche il giorno successivo all’attivazione del contratto con un altro fornitore.

Mercato tutelato e mercato libero: quale conviene di più?

Questa, molto probabilmente, è la domanda più complessa cui dare risposta. I fattori da tenere in considerazione sono molteplici e non sempre l’utente medio è in grado di reperire informazioni esatte per fare i calcoli. Ed è a questo punto che entra in gioco la già citata ricerca di SoSTariffe.it. Il comparatore ha preso in considerazione le tariffe del mercato libero e le ha paragonate con quelle del mercato a maggior tutela, mettendo così in evidenza i possibili risparmi che i consumatori possono ottenere grazie al passaggio dal tutelato al libero.

Nel caso di una fornitura luce, il costo medio annuale per chi resta nel mercato tutelato dovrebbe essere di 599 euro neo 2020 e di 638 euro nel 2021. Se si decide di passare al mercato libero, invece, il costo medio annuo di una fornitura luce sarà di 505 euro nel 2020 e di 517,5 euro nel 2021. I risparmi, insomma, sono considerevoli e arrivano al 19% nel 2021 (120 euro circa).

Differente la situazione per la fornitura gas. Secondo l’analisi condotta da SoSTariffe.it, nel mercato tutelato il costo annuo medio sarà di 1.035 euro per il 2020 e 1.056 euro per il 2021. Passando al mercato libero si pagherebbero 1.019 euro nel 2020 e 1.049 euro nel 2021. Insomma, risparmi molto più contenuti.

Come scegliere offerte luce e gas mercato libero

Se state valutando il passaggio dal mercato a maggior tutela al mercato libero dovrete tenere in considerazione diversi fattori. Per risparmiare, infatti, non dovrete valutare solamente il prezzo del chilowattora o del metro cubo gas perché, come detto, incidono solo per una frazione del prezzo finale che si paga in bolletta. Se si vuole trovare l’offerta più conveniente, quindi, sarà necessario controllare nelle condizioni economiche di ogni singola offerta quanto incida il costo della componente luce e della materia prima gas sul prezzo finale.

Le condizioni economiche delle offerte si trovano online e sono, a grandi linee, di facile consultazione. Dovrete trovare il valore dell’incidenza percentuale media della tariffa sulla spesa annua e confrontarla. Potreste così scoprire, ad esempio, che un’offerta di 0,03 euro per kWk (con un’incidenza, ad esempio, del 20% sul prezzo finale) potrebbe essere meno conveniente rispetto a un’offerta di 0,06 euro per kWh (con un’incidenza del 50% sul prezzo finale).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercato libero luce e gas: come scegliere le offerte per risparmiare i...