Mercati, sta tornando la retail mania? Il caso AMC

Il caso di Amc Entertainment Holdings, catena di cinema americana pesantemente impattata dalla crisi pandemica, e di uno dei cosiddetti meme stock

Nell’ultima settimana il titolo ha guadagnato oltre il 100%, cioè la sua valutazione è più che raddoppiata, mentre da inizio hanno ha registrato un +1.100%. Stiamo parlando di Amc Entertainment Holdings, catena di cinema americana pesantemente impattata dalla crisi pandemica, ma anche uno dei cosiddetti meme stock al centro della retail mania di inizio anno (il più famoso fu GameStop).

Un meme stock è un titolo che ha visto un aumento significativo della propria valutazione non a causa delle prestazioni dell’azienda, ma a causa del clamore sui social media e sui forum online come Reddit. Dopo la retail mania di gennaio, sembra che il fenomeno sia sul punto di tornare.

Anche questa volta gli utenti dei social media stanno mostrando molto clamore per AMC e, come a inizio anno, il loro interesse è ancora una volta separato dai fondamentali del titolo: gli analisti prevedono che i ricavi di AMC quasi raddoppieranno nel 2021 e nel 2022 con la riapertura dei cinema, ma la società prevede ancora di perdere denaro quest’anno e il prossimo.

Tra i fattori che sta spingendo la valutazione di AMC (ma anche di altri meme stock come GameStop, Koss ed Express), c’è il fatto che i piccoli investitori speculativi siano alla ricerca di nuovi potenziali affari dopo le perdite recenti delle criptovalute. Giacomo Pierantoni, analista di Vanda Securities, ha osservato che proprio mentre le vendite di Bitcoin ed Ethereum sono aumentate, gli acquisti al dettaglio di AMC sono cresciuti, così come il numero di persone che acquistano opzioni call rischiose su app di trading come Robinhood.

Per il momento i flussi netti totali degli investitori retail sono piuttosto bassi, nota l’analista, il quale però crede che potrebbero aumentare presto, poiché altri trader lasceranno le criptovalute e inizieranno a cercare la prossima grande speculazione. “In questo momento si tratta solo di WallStreetBets che prende di mira AMC – ha detto a CNN Pierantoni – Ma la mia ipotesi è che nelle prossime settimane vedremo un vero e proprio rimbalzo”.

Un altro fattore che ha attirato gli acquisti sulla catena di cinema è il recente aumento delle posizioni degli short seller sul titolo. Lo short selling, in italiano vendita allo scoperto, è un’operazione finanziaria che consiste nella vendita di strumenti finanziari non posseduti con successivo riacquisto.

Questa operazione si effettua se si ritiene che il prezzo al quale gli strumenti finanziari si riacquisteranno sarà inferiore al prezzo inizialmente incassato attraverso la vendita. Nella volontà di tanti piccoli investitori che si organizzano su Reddit c’è la volontà di infliggere perdite ai venditori allo scoperto, e per il momento ci stanno riuscendo. Secondo dati S3 Partners, i rally combinati di AMC e GameStop hanno causato quest’anno più di 8,3 miliardi di dollari di perdite, di cui 1,75 miliardi di dollari solo questa settimana.

C’è chi però continua a credere che le scommesse su questo genere di titoli siano destinate a finire male. “Tutto ciò che conta davvero, da qui a lungo termine, è che questa azienda non farà mai più soldi – ha detto a CNBC Rich Greenfield, co-fondatore di LightShed Partners – Non genereranno mai liquidità con la loro attuale struttura del capitale. Ha scambiato a 7 volte l’EBITDA pre-pandemia. Ora scambia a 25 volte l’EBITDA e con la pandemia sono in una posizione peggiore. Questo semplicemente sfida ogni logica“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati, sta tornando la retail mania? Il caso AMC