Manovra Bis, dal Governo fioccano le smentite ma le voci aumentano

E Berlusconi è sicuro: "E' certa"

Nelle ultime ore circolano con sempre più insistenza voci su una possibile Manovra bis con il Governo costretto, dunque, a correre ai ripari correggendo in fretta il tiro. L’Italia dunque resta osservata speciale: nel mirino le misure varate dal Governo gialloverde ritenute, da molti, insufficienti e soprattutto inadeguate per raddrizzare una situazione generale tutt’altro che rosea per via dell’ alto debito che ci rende economicamente molto vulnerabili.

Dall’esecutivo però si fa professione di ottimismo e fioccano smentite:  il Vicepremier e Ministro del lavoro e dello Sviluppo Luigi Di Maio, infatti, allontana un possibile intervento correttivo di bilancio:”Abbiamo messo già a riserva 2 miliardi di euro, i nostri obiettivi di crescita e sviluppo economico ci consentono di evitare una manovra bis”. Lo ha detto Di Maio, a margine dell’Etichetta Day di Coldiretti.

MI FIDO DI CONTE – Il leader politico pentastellato ha poi commentato il giudizio di Fitch che ha confermato il rating BBB all’Italia: “Adesso dobbiamo decidere insieme di chi fidarci nei prossimi mesi, se delle agenzie di rating o del Premier. Io mi fido del Presidente del Consiglio. Le agenzie di rating in tutti questi anni hanno fatto il loro lavoro sul rating ma non esprimano giudizi politici perché il Governo è saldo, va avanti e non ci sarà nessuna sorpresa dopo le elezioni europee”.

A tenere banco, in queste ore, anche i commenti sul giudizio, molto atteso, di Fitch. Siamo salvi per metà. Se, da un lato, l’agenzia statunitense conferma il rating dell’Italia a BBB con outlook negativo, dall’altro infatti anticipa rischi: “le tensioni politiche nella coalizione di Governo e la possibilità di elezioni anticipate aggiungono incertezza sulle politiche economiche e di bilancio”dell’Italia.

FITCH CI GRAZIA, PER ORA – Il messaggio degli analisti pubblicato nel report completo su stato di salute e prospettive dell’economia italiana è piuttosto chiaro : nessun taglio di notch a questo giro ma il contesto nel quale l’Italia si muove continua ad essere carico di incertezze per la tenuta del futuro stesso del Paese.

SALVINI: “FANTASCIENZA NON MI INTERESSA” – Tranquillo anche il Vicepremier Matteo Salvini che snobba il giudizio dell’agenzia statunitense: “Commento la vita reale e la vita reale sono i 65 mila italiani che in tre settimane hanno firmato per quota 100. Le previsioni e la fantascienza mi interessa poco”. Lo ha detto soffermandosi a Verona con i giornalisti.

BERLUSCONI E’ SICURO: “MANOVRA E’ CERTA” – Eppure c’è qualcuno pronto a giurare che la manovra è tutt’altro che lontana. Anzi, proprio dietro l’angolo “C’è la certezza che dopo marzo ci sarà di un bisogno di un correttivo alla manovra. Ovvero la necessità di inserire da 7 a 14 miliardi in più. Lo ha detto Giorgetti, che sa quel che dice. Se il governo sarà in carica e i grillini aumenteranno le tasse e quasi sicuramente introdurranno un’imposta patrimoniale” che “è una cosa vergognosa perché tassa quei patrimoni già tassati dallo Stato”, dice Silvio Berlusconi. 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Manovra Bis, dal Governo fioccano le smentite ma le voci aumentano