Macron, manovra in deficit e taglio fiscale. Di Maio: “Facciamolo anche noi”

In barba all'Ue, il Governo francese ha presentato la Finanziaria 2019 che prevede un deficit in aumento al 2,8% del pil

In preoccupante calo di popolarità, il presidente francese Emmanuel Macron ha deciso di varare una manovra finanziaria ben lontana da quelle che sono le raccomandazioni dell’Unione europea. Con l’obiettivo di dare impulso all’economia e creare più posti di lavoro, il governo prevede per il 2019 di ridurre la pressione fiscale di 24,8 miliardi di euro. Per finanziare la misura, il deficit pubblico del Paese dovrebbe aumentare dal 2,6% del Pil di quest’anno al 2,8%, rimanendo comunque sotto alla soglia del 3%.

Non sono mancate le reazioni da parte del governo italiano, che vorrebbe avere la medesima libertà di movimento sebbene, rispetto ai francesi, siamo gravati da un debito pubblico ben maggiore, il secondo più grosso d’Eurozona a un livello superiore al 130% del Pil. “La Francia per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del 2,8%. Siamo un Paese sovrano esattamente come la Francia. I soldi ci sono e si possono finalmente spendere a favore dei cittadini. In Italia come in Francia”, ha scritto su Twitter il vicepremier e leader del M5S Luigi Di Maio.

In settimana l’esecutivo guidato da M5S e Lega è chiamato a presentare al parlamento la bozza del testo della legge di bilancio per il 2019. Entro metà ottobre il testo deve arrivare a Bruxelles, dove le autorità europee ne valuteranno i contenuti.

Leggi anche:
Draghi attacca: “Le parole fanno danni, gli italiani ora pagano di più”
Pensione: quota 100, ma con penalizzazione. L’ipotesi allo studio
Legge di Bilancio: ci sarà tutto ciò che è nel contratto, ma spalmato su 5 anni
Cottarelli: “L’euro è una gabbia, ma ce lo dobbiamo tenere”

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Macron, manovra in deficit e taglio fiscale. Di Maio: “Facciamol...