Macron flop: travolto dall’onda Verde, accelera sul Recovery Fund 

Tempi decisamente duri per "l’enfant prodige" della politica francese che prova a ricucire l'ormai evidente strappo con gli elettori sempre più delusi

Da tempo arrivavano segnali di un calo di popolarità per il Presidente francese Emmanuel Macron, l’enfant prodige di Amiens sposato con Brigitte, la sua ex insegnate di scuola, che ha fatto dell’Europa l’unica grande stella polare.

E’ senza dubbio lui lo sconfitto numero uno delle elezioni municipali che hanno trasformato il volto delle città della Francia dove su tutto ha trionfato l’astensionismo record e politicamente hanno brillato i verdi, vero fenomeno nuovo del panorama transalpino, che hanno conquistato grandi città come Lione, Bordeaux e Strasburgo. Un “successo storico” che ha pesato anche a Parigi dove Anne Hidalgo è stata riconfermata proprio grazie al sostegno determinante dei “green”.

Flop per ‘En Marche!’ il partito di Macron. Tempi decisamente amari per il Presidente più giovane della storia della repubblica francese, arrivato all’Eliseo senza partiti in sella alla sua “creatura”, dopo aver rottamato in pochi mesi un sistema che sembrava immutabile, quello cioè dell’alternanza destra gollista-gauche socialista.

Lo strappo con i francesi è ormai evidente ma Macron che vuole voltare pagina prima possibile per lasciarsi alle spalle il pessimo risultato – guarda già alle presidenziali del 2022 alla ricerca di nuovo slancio che potrebbe arrivare dalla partita che si sta giocando sul Recovery Fund, pronto ad indossare le vesti di Paladino dell’Europa nella fase più delicata della sua storia.

Nel corso del bilaterale che si è svolto nelle scorse ore nel castello di Meseberg, a Berlino, Macron e Merkel hanno affrontato, fra i diversi temi, anche quello delle trattative in corso e del prossimo vertice UE in programma del 17-18 luglio. Merkel ha assicurato che “Non fallirà a causa nostra. E non c’è nuova proposta” sottolineando che “legare uso fondi anticrisi anche a riforme interne è proposta eccellente”.

“Per l’Europa è giunto il momento della verità”, ha ribadito il Presidente francese che ha difeso in toto la proposta della Commissione sugli strumenti finanziari anticrisi: “Con la risoluta iniziativa franco-tedesca, quella del 18 maggio scorso, possiamo fare di questo momento di verità un momento di successo”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Macron flop: travolto dall’onda Verde, accelera sul Recovery Fun...