Ma quanto ci costa l’acqua calda? E come possiamo risparmiare?

Il costo dell'acqua calda è particolarmente elevato, soprattutto se si utilizza lo scaldabagno elettrico. Per diminuirlo ci si può rivolgere alle nuove tecnologie

Qual’è il costo dell’acqua calda? Se si ha uno scaldabagno elettrico è facile calcolarlo, tenendo conto del fatto che servono circa 4,4 kW di energia elettrica per scaldare il fabbisogno di acqua necessario per una doccia. A conti fatti una famiglia di tre persone può spendere anche 1,5 euro al giorno, solo per l’energia elettrica necessaria a scaldare l’acqua di bagni e docce. A questa cifra bisogna poi aggiungere l’energia elettrica utilizzata per gli altri elettrodomestici, come la lavatrice o il climatizzatore.

Chi ha uno scaldabagno a gas riesce a contenere leggermente il costo dell’acqua calda, ma per fare il vero salto di qualità è necessario rivolgersi alle nuove tecnologie, che permettono di risparmiare intorno al 50% della spesa annuale per l’acqua calda sanitaria. Uno dei metodi più semplici da installare è il solare termico: si installano dei tubi scuri sul tetto, dove l’acqua viene scaldata direttamente dai raggi solari. Oppure si può anche sfruttare il sistema a Pompa di Calore, il costo di installazione è particolarmente basso e si può arrivare a pagare l’acqua calda fino al 70% in meno rispetto all’utilizzo dello scaldabagno.

Se si vuole installare un prodotto innovativo, che garantisce acqua calda anche durante la notte, allora bisogna rivolgersi al solare termodinamico: i pannelli vanno posizionati all’aperto, non obbligatoriamente sul tetto. Questo metodo è molto efficiente e si può installare anche in giardino, garantendo acqua calda a basso costo per tutta la famiglia, in qualsiasi condizione climatica e ad ogni ora del giorno. Ma quanto costa l’acqua calda sanitaria con questi sistemi altamente tecnologici: si può arrivare a risparmiare fino all’80% della spesa sostenuta con lo scaldabagno elettrico.

Se si decide di installare in casa anche un impianto fotovoltaico, la spesa per l’energia elettrica di casa può arrivare ad azzerarsi. Questi impianti si ripagano da soli, contenendo ampiamente il costo delle bollette di casa. Inoltre oggi il Governo garantisce interessanti incentivi fiscali, che permettono di recuperare nell’arco di 10 anni fino al 65% della spesa sostenuta per gli impianti che migliorano le spese energetiche di tutta la casa, rendendo queste opzioni ancora più interessanti e redditizi per una famiglia.

Ma quanto ci costa l’acqua calda? E come possiamo risparmiare?
Ma quanto ci costa l’acqua calda? E come possiamo risparmia...