Lunedì nero per i mercati: Borse a picco e fuga verso la liquidità

Con la caduta della Borsa schizza in alto lo Spread, che raggiunge quota 254 punti base. Crolla il petrolio, scende il prezzo dell'oro

E’ di nuovo lunedì di passione per i mercati finanziari globali, che tornano a cadere con ribassi di una certa importanza, a dispetto ed, anzi, a causa del massiccio intervento delle banche centrali mondiali, che hanno allentato i cordoni, inondando i mercati di liquidità. Una mossa che sembra richiamare le azioni poste in essere durante la crisi finanziaria globale del 2008, ma che assume oggi connotati diversi perché le banche oggi non sono a corto di liquidità, semplicemente si è “inceppato” il meccanismo del credito a causa dell’epidemia di coronavirus.

Di denaro infatti ce n’è molto, sottolineano alcuni esperti, dopo i deflussi record dei fondi della scorsa settimana (34,1 miliardi dollari) che hanno spinto la liquidità ai massimi di sempre (136,9 miliardi).

E allora perché vendere? La reazione delle borse mondiali, prima l’Asia, che ha evidenziato perdite consistenti, poi l’Europa, che resta schiacciata sotto una pioggia di vendite, e fra poco anche Wall Street, è da attribuire ad un effetto psicologico che spinge gli operatori a liquidare gli asset più richiosi (in realtà quasi tutto) e prediligere denaro contante.

La conta dei danni parla chiaro: la borsa di Parigi e quella di Bruxelles affondano di oltre il 10%; anche Madrid e Milano arretrano di oltre il 10%, mentre Francoforte ed Amsterdam perdono più del 9% e Londra arretra del 7,6%. I future USA al momento indicano una partenza in profondo rosso per Wall Street con perdite superiori al 4%.

Con la caduta della Borsa schizza in alto lo Spread, che  raggiunge quota 254 punti base, aumentando di 16 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento dell’1,91%. Un effetto indotto dal crollo dei rendimenti dei Treasury (quale asset rifugio assieme al Bund) e dall’esplosione dei rendimenti dei titoli di stato italiani.

Sui mercati delle commodities crolla il petrolio a 30 dollari (-55) e scende anche il prezzo dell’oro a 1.464 dollari (-4%) per effetto delle misure espansive varate dalla Fed.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lunedì nero per i mercati: Borse a picco e fuga verso la liquidità