Lombardia e Piemonte da zone rosse a arancioni. Ma non subito

Aumenta il pressing delle due Regioni sul governo, ma per la decision e servono dieci giorni di buoni dati.

In queste ore il quadro politico è segnato in primis dal confronto fra le varie Regioni ed il governo centrale. Alcuni governatori chiedono la revisione dei parametri, altre spingono per ‘cambiare colore’. E’ il caso di Lombardia e Piemonte, che vedono migliorare i propri dati sanitari dopo le restrizioni del Dpcm del 3 novembre.

Il Dpcm 3 individua tre aree, corrispondenti ad altrettanti scenari di rischio, per le quali sono previste specifiche misure restrittive.

In base all’Ordinanza del Ministro della Salute del 4 novembre, e modificate successivamente con ordinanze del 10 e del 13 novembre, sono ricomprese:

  • nell’Area gialla: Lazio, Molise, Provincia di Trento, Sardegna, Veneto.
  • nell’Area arancione: Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia, Umbria.
  • nell’Area rossa: Abruzzo, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d’Aosta.

Vedi qui le FAQ sugli spostamenti in zona rossa pubblicate dal Governo.

Come accennato, dati sanitari alla mano, Lombardia e Piemonte stanno pensando di chiedere un allentamento della stretta, dopo essere state le prime a finire in zona rossa (insieme a Calabria e Valle d’Aosta).

Tuttavia, non è immediato uscire dalla zona rossa ed entrare in quella di livello inferiore, l’arancione: come da Dpcm, i parametri sanitari devono essere in linea con quelli richiesti alle Regioni in zona arancione, e per almeno due settimane. Lombardia e Piemonte ottemperano da venerdì 13 novembre, dunque non uscirebbero dalla zona rossa prima del 27 novembre.

Troppo in là, secondo i rispettivi Governatori, che stanno facendo pressioni sul Governo per “ammorbidire” questo meccanismo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lombardia e Piemonte da zone rosse a arancioni. Ma non subito