Legge di Bilancio: ci sarà tutto ciò che è nel contratto, ma spalmato su 5 anni

Si va verso un leggero sforamento dell'1,6% imposto da Bruxelles per poi negoziare sui numeri finali

Le tensioni degli ultimi giorni fra Luigi Di Maio e il ministro dell’Economia Giovanni Tria attengono quasi totalmente alla sfera politico-elettorale: il capo politico dei 5 Stelle ha bisogno di alzare la voce sui temi cari al Movimento per tenere unito l’elettorato, ma il titolare del Mef è blindato da Mattarella e da Paolo Savona, che lo ‘impose’ dopo la bocciatura personale da parte del Quirinale.

Manovra: sforamento e trattativa con Bruxelles
Al di là delle tensioni, dunque, si lavora per cercare di far quadrare i conti fra le misure care ai due partiti di maggioranza e le relative coperture economiche. Il limite imposto da Bruxelles del 1,6% di deficit, Tria lo supererà con una forbice che va dal 2 al 2,2% per poi scendere a trattativa. Intanto, il ministro del Tesoro sta aspettando i conti della Ragioneria di Stato per vedere quali possono essere i tagli e i risparmi da fare. Il 24 settembre dovrebbe scoprire le carte.

Misure spalmate in 5 anni
Tendenzialmente Tria proverà ad accontentare Di Maio e Salvini inserendo tutte le misure volute dai due azionisti di maggioranza, reddito di cittadinanza e flat tax in primis. Ma poi bisognerà fare i conti coi numeri, e allora la soluzione più ovvia è quella di inserire tutto ma spalmandolo sull’intera legislatura, ossia cinque anni. Senza ovviamente alcuna garanzia di durata. Per la flat tax si partirà con la versione ‘soft’ per le partite Iva, per quanto riguarda il reddito di cittadinanza si lavorerà sul reddito di inclusione introdotto da Renzi e Gentiloni con l’intenzione di ampliarlo leggermente, stante l’intervento sui centri per l’impiego.

Pace fiscale
restano lontane le posizioni di Lega e M5S sulla cosiddetta pace fiscale, che i grillini vedono più come un classico condono. Il vicepremier Luigi Di Maio a Radio 24 è tornato sulla questione della pace fiscale cara alla Lega, chiarendo che il Movimento 5 Stelle non è “d’accordo su uno scudo fiscale, non vogliamo far rientrare i capitali dei mafiosi e dei corrotti dall’estero. “Un milione di euro è una soglia troppo alta come tetto entro il quale consentire ai contribuenti di sanare i contrasti con il fisco pagando un’aliquota molto bassa. Chi evade il fisco deve andare in galera, sta nel contratto quindi si deve fare”. Mercoledì sera il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti ha però confermato che per il Carroccio – come anticipato sabato scorso dal sottosegretario al Tesoro Massimo Bitonci – Sulla pace fiscale “il tetto dovrebbe essere più vicino al milione che ai centomila euro” perché “noi pensiamo all’imprenditore in difficoltà.

Leggi anche:
Vitalizi, Boeri: “Sistema insostenibile, possibili risparmi per oltre 100 milioni di euro”
Manovra, Di Maio all’assalto di Tria: “Trovi i soldi per le riforme”
Cottarelli: “L’euro è una gabbia, ma ce lo dobbiamo tenere”
Legge di Bilancio: in arrivo la riduzione del ticket?
Legge di Bilancio, Tria apre a taglio dell’Irpef
Taglio Irpef, chi risparmierebbe e quanto

 

Legge di Bilancio: ci sarà tutto ciò che è nel contratto, ma spalma...