La mappa della crescita del Pil: Italia ultima

Record negativo dell'Italia, solo dell’1,8% la crescita per il nostro Paese

Sta destando scalpore la mappa pubblicata da Vividmaps (Fonte: Banca mondiale) che illustra la crescita media del PIL pro-capite dal 1995 al 2014, in pratica 20 anni, dei Paesi europei occidentali.

Il primo dato che salta all’occhio è il record negativo dell’Italia, solo dell’1,8% la crescita per il nostro Paese.

Persino la Grecia, grazie alle performance precedenti la grande crisi, fa molto meglio, con un +13,5%.

La Germania è cresciuta del 28,7% più della Francia, +20,7% e della Spagna, +23,9%, ma meno del Regno Unito, +33,8% e soprattutto meno dell’Irlanda, che da vera tigre celtica ha il record massimo, + 86,1%.

Molto bene anche Svezia e Finlandia, +41% circa.

Dopo la Brexit il futuro è ancora molto incerto. Certo è che se volessimo andare a pari almeno alla Francia, Paese che in ogni caso si considera in crisi, dovremmo crescere per 20 anni dell’1% in più dei cugini transalpini.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La mappa della crescita del Pil: Italia ultima