“L’Italia può salvarsi. Tassando i tedeschi”. La folle idea di un ex Goldman Sachs

La provocatoria proposta dell'uomo che ha coniato il termine 'brics' per risollevare la periferia dell'Eurozona

Jim O’Neill è l’ex numero uno della divisione asset management di Goldman Sachs, una delle banche d’affari più importanti e più influenti al mondo, ed è peraltro l’uomo che ha coniato il termine ‘Brics’ per designare i paesi emergenti. Oggi, fra le altre cose, scrive sul Think Thank di Bruxelles ‘Bruegel’, e proprio all’interno di un articolo per Bruegel ha avanzato la propria, eterodossa proposta per far uscire l’Italia e in generale la periferia dell’Eurozona dalle sabbie mobili della non crescita.

Vedi anche:
Euro paradossi: la Germania guadagna tre volte dalla deflazione nel Sud Europa
FMI di nuovo all’assalto delle pensioni italiane: "Troppo alte, tagliatele"
Troika e prelievo forzoso fanno paura. In fuga dall’Italia 67 miliardi
VIDEO: quelli di Goldman Sachs

STOP AUSTERITA’ – L’Italia resta bloccata in una fase di recessione e la mancanza di domanda e l’ingente debito in ascesa fanno della terza economia dell’area euro l’osservato speciale dei mercati e delle autorità europee. O’Neill sostiene che un aiuto potrebbe arrivare dalla Germania, che dovrebbe dare a Roma e al resto dell’Eurozona più flessibilità sulle norme fiscali, creando al contempo una maggiore domanda da parte dei consumatori. "Se la flessibilità fiscale è essenziale, anche l’incremento dell’inflazione vicino al 2%, la soglia Ue, lo è", dice O’Neill.

LA TASSA AI TEDESCHI – "I cittadini tedeschi dovrebbero pagare una tassa extra tutti gli anni in cui il paese riscontri un’inflazione inferiore ma ben lontana dal 2% – attacca O’Neill – con l’imposta che salga in proporzione a tale differenza dalla soglia limite. I soldi potrebbero essere ridistribuiti ai paesi con un deficit fiscale ciclicamente inferiore al 3% e con una crescita bassa rispetto al trend generale. Pensateci: forse l’Italia potrebbe persino imporre una tassa ‘punitiva’ ai turisti tedeschi". Lo so, sarebbe un’idea folle, ma non lo è molto di più di insistere con una regola fiscale arbitraria sul deficit che non si adatta al ciclo economico attuale – o di lasciare crollare la domanda dei consuamtori così in basso che l’Eurozona non centra l’obiettivo sull’inflazione di un chilometro e condanna in un certo modo l’Italia e altri paesi a una recessione senza fine".

“L’Italia può salvarsi. Tassando i tedeschi”. La fo...