Italia, povertà record: mai così alta dal 2015

Mezzogiorno nel baratro: lo dice l'Istat

(Teleborsa) Povertà, una parola che, fino a qualche tempo fa, sembrava appartenere al tempo passato e che invece, negli anni durissimi della crisi è diventata terribilmente attuale. E anzi, fa ogni giorno più paura. Lo dicono i numeri che ci restituiscono il quadro di una situazione che diventa, purtroppo, sempre più allarmante.

POVERTA’ RECORD – Nel 2017, infatti, in Italia erano ben 5 milioni le persone in condizione di povertà assoluta. Un dato record visto che era dal 2005 che non veniva registrato un livello così alto, sia in termini di famiglie (1,778 milioni, pari al 6,9% delle famiglie residenti) che in termini di singole persone (8,4% dell’intera popolazione).“

È questo il dato, aggiornato al 2017, fornito dal presidente facente funzione dell’Istat, Maurizio Franzini, in audizione sulla Nota di aggiornamento al Def alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato.
SUD NEL BARATRO – E c’è un dato nel dato che riguarda il Mezzogiorno, storicamente costretto a rincorrere, che anche stavolta si guadagna l’ennesima maglia nera.  Secondo i numeri forniti dall’Istituto di statistica,  infatti, il fenomeno della povertà assoluta riguarda il 6,2% dei cittadini italiani (3 milioni 349 mila) e il 32,3% degli stranieri (pari a 1 milione e 609 mila individui). Nello specifico, nel 2017 quasi la metà degli individui in condizioni di povertà assoluta sono residenti nel Mezzogiorno, con un’incidenza dell’11,4% sulla popolazione, mentre al Centro e al Nord l’incidenza è simile, pari rispettivamente al 5,1% e al 5,4%. Al Sud il fenomeno interessa il 10,25% degli italiani e il 40% degli stranieri, “la cui consistenza numerica è tuttavia estremamente ridotta”.

“Allarme Codacons: “Numero raddoppiato in 10 anni” – Un fenomeno, dunque, in continua crescita, come sottolinea il Codacons. ”L’incremento dell’incidenza della povertà nel nostro paese è da attribuire solo in parte alla crisi economica: pesa infatti l’incapacità della classe politica italiana che, negli anni, non ha saputo adottare misure realmente efficaci contro il generale impoverimento delle famiglie”. Questo il commento del presidente del Codacons, Carlo Rienzi, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat. In dieci anni, spiega l’associazione, i cittadini in povertà assoluta in Italia sono aumentati del +108%.

I NUMERI DEL DRAMMA – “Nel nostro paese vivono 5 milioni di individui in condizione di povertà assoluta, pari a quasi 1,8 milioni di famiglie”, spiega ancora Rienzi. Confrontando i numeri con quelli registrati dall’Istat 10 anni fa, ”scopriamo che il numero di poveri in Italia è più che raddoppiato: nel 2007 le famiglie in povertà erano 975 mila; il numero di individui in condizione di povertà assoluta era pari a 2,4 milioni, contro i 5 milioni del 2017”.

Italia, povertà record: mai così alta dal 2015