Istat, un terzo delle famiglie non sa come far fronte alle spese impreviste

Con l'indebitamento cresce nel 2009 il numero dei nuclei in difficoltà di fronte a uscite non previste

Sono aumentate, nel 2009, le famiglie che non sono state in grado di fronteggiare spese impreviste, che si sono indebitate e che sono in arretrato con debiti diversi dal mutuo. Una fotografia a tinte scure scattata dall’indagine dell’Istat su Reddito e condizioni di vita in italia negli anni 2008-2009.

La situazione economica delle famiglie dopo il tracollo del 2008 fa fatica a riprendersi. Nel 2009, il 15,2% delle famiglie ha presentato tre o più sintomi di disagio economico. Un valore, questo, che non presenta variazioni statisticamente significative rispetto all’anno precedente e si conferma molto più elevato tra le famiglie con cinque componenti o più (25,8%), residenti nel Mezzogiorno (25,1%) e tra le famiglie con tre o più minori (27,1%).

La maggiore frequenza di situazioni di difficoltà economica nelle regioni insulari e meridionali, precisa l’indagine, si rileva per i residenti in Sicilia, Campania e Calabria, mentre tra le regioni del Centro-Nord, sono il Piemonte e il Lazio a mostrare i maggiori segni di disagio. Le situazioni di difficoltà si fanno più evidenti al crescere della numerosità familiare per quasi tutti gli indicatori utilizzati.

Per quanto riguarda i redditi, secondo l’istituto di statistica nel 2008 le famiglie hanno percepito un reddito netto pari a 29.606 euro, circa 2.467 euro al mese, ma la metà delle famiglie ha percepito meno di 24.309 euro (circa 2.026 euro al mese). Facendo la media per gli anni 2007 – 2008 e tenendo conto dell’inflazione (+ 3,3% nel 2008) significa una riduzione in termini reali pari al 2,1%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Istat, un terzo delle famiglie non sa come far fronte alle spese impre...