Internet, un mare di offerte dove navigare (più veloci): gli italiani strizzano l’occhio alla fibra ottica

Dal 2013 ad oggi: la 1.000 Mega traina prezzi e copertura

(Teleborsa) Sono sempre di più gli italiani che strizzano l’occhio alla fibra ottica. Complici i prezzi sempre più bassi, in Italia la fibra ottica prende il volo.
Lo rivela uno studio condotto da SosTariffe.it che dimostra che sin dal 2013, i costi sostenuti per le offerte in fibra ottica sono in calo fino al 35% e che la differenza di prezzo che esiste tra costi per attivare la connessione Internet in ADSL rispetto a quella in fibra ottica si è ridotta.
Numeri alla mano, nel caso delle offerte ADSL (con velocità da 7 a 20 mega), rispetto al 2013, il costo medio del primo anno di attivazione – durante il 2017 – è sceso di quasi il 15%, anche se rispetto all’anno scorso si registra un incremento del 3,5% circa (complice il passaggio al rinnovo ogni 28 giorni). Il prezzo medio nel 2013 infatti era di 27,4 euro contro i 23,3 euro richiesti dai provider quest’anno.

FIBRA FUTURA – L’analisi del portale di confronto ha anche rilevato che circa il 22% della popolazione italiana è potenzialmente raggiungibile dalle nuove tariffe in fibra 1.000 (comparse nell’ultimo anno), che  assicurano una velocità in download di ben 1000 Mbit/s.

Campania e Lazio le regioni più coperte dalla fibra 1.000 – Analizzando le regioni italiane con la percentuale di popolazione potenzialmente raggiungibile dalle offerte in fibra 1.000, lo studio di SosTariffe.it dimostra che sono Campania e Lazio quelle con il maggior numero di abitanti che disporrebbero di connessioni a tale velocità.
In particolare, oggi la fibra ultra veloce è potenzialmente attivabile dal 22,25% degli italiani, ma la distribuzione degli abitanti che potenzialmente possono accedere a queste offerte non è omogenea.
Nel dettaglio, il 4,8% della popolazione dei comuni raggiunti da fibra 1.000 si trova in Campania, mentre la percentuale del Lazio è del 4,7%. Quasi il 3% degli italiani. Molto minore, invece, la diffusione dalla fibra 1.000 – in termini di abitanti raggiunti – nelle Marche e in Trentino Alto Adige, dove risiedono rispettivamente soltanto lo 0,17% e lo 0,19% di italiani che possono accedere a offerte con queste velocità.

SUPER VELOCI – Già in uno studio precedente, SosTariffe.it aveva riscontrato come fossero le regioni meridionali quelle con più accesso alle tecnologie in fibra ottica, nonché con le velocità di navigazione maggiori: questo è in parte dovuto ai Bandi Eurosud, che hanno incentivato l’espansione della fibra ottica nel Sud del nostro Paese.
L’introduzione di queste connessioni iper-veloci ha comportato un notevole miglioramento delle velocità di navigazione in tutta Italia, principalmente in Umbria e in Sardegna, dove in un anno la velocità massima raggiungibile con la fibra ottica è cresciuta rispettivamente del 196% e 189%.
Navigano molto più velocemente, grazie a queste nuove offerte, anche gli abitanti della Campania (+114%) e del Piemonte (+108%) che hanno la fortuna di risiedere in un comune coperto dalla fibra di ultima generazione. Meno evidente, invece, il miglioramento delle velocità di navigazione degli utenti delle Marche e la Puglia, dove, sempre nei comuni raggiunti da fibra 1.000, l’incremento delle velocità è stato rispettivamente del 13% e il 14% dopo l’introduzione di queste nuove offerte.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Internet, un mare di offerte dove navigare (più veloci): gli italian...