Interesse legale, due punti in meno. Un po’ di ossigeno per chi ha debiti col Fisco

Tasso all'1%, minimo storico dal dopoguerra. Ne beneficia chi ha in corso un "ravvedimento operoso" per tasse non pagate

Una buona notizia per chi ha delle pendenze col fisco o delle mensilità di affitto arretrate da pagare: dal 1° gennaio il suo debito si alleggerisce un po’. E’ l’effetto della riduzione del tasso d’interesse legale che scende dal 3 all’1% annuo. Un taglio di due terzi stabilito dal decreto del Ministro dell’Economia del 4 dicembre 2009 (pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 15 dicembre).

Si tratta del tasso di interesse stabilito per legge che si applica nei rapporti tra cittadino e Stato e nei contratti in cui non è stato stabilito un interesse diverso tra le parti .Questo aggiornamento avviene dopo due anni dall’ultimo e tiene conto dell’andamento dell’inflazione annuo e dei rendimenti medi dei titoli di Stato a 12 mesi. Insomma, uno degli effetti “buoni” della crisi economica.

Mai così in basso

L’1% rappresenta il livello più basso toccato dal 1942, anno della sua inaugurazione, a oggi. Rimasto invariato per quasi 50 anni, il tasso ha subito forti variazioni negli ultimi vent’anni, con picchi fino al 10%. Ecco la serie storica:

1942-1990: 5%
1990-1996: 10%
1997-1998: 5%
1999-2000: 2,5 %
2001-2001: 3,5 %
2002-2003: 3 %
2004-2007: 2,5 %
2008-2009: 3 %
dal 2010: 1 %

Tasse più leggere
I benefici principali si avranno sui versamenti ritardati delle imposte. Cambieranno, infatti, gli importi dovuti al fisco con la procedura di ravvedimento operoso. Su queste somme, infatti, vanno calcolati gli interessi legali dal giorno successivo a quello entro il quale il pagamento andava fatto fino al giorno del versamento effettivo, considerando i tassi in vigore nei diversi periodi.

Per esempio: se  un saldo Ici di 1.000 euro, previsto per il 16 dicembre 2009, viene effettuato il 15 gennaio 2010, gli interessi andranno calcolati così:

3% annuo dal 17 al 31 dicembre (15 giorni) cioè:
   1.000 x 3% = 30 : 365 (giorni dell’anno) x 15 = € 1,23
1% annuo dal 1° al 15 gennaio (15 giorni) cioè:
   1.000 x 1% = 10 : 365 (giorni dell’anno) x 15 = € 0,41
Totale interessi legali: € 1,64.

Vantaggi anche per gli affittuari
Il tasso d’interesse legale si applica anche ai depositi cauzionali nei contratti di locazione. Cosi, allo scioglimento del contratto, l’interesse andrò calcolato con i tassi dei deivrsi anni cossispondenti alla durata della locazione. (A.D.M.)

Interesse legale, due punti in meno. Un po’ di ossigeno per chi ...