Effetto incentivi, cresce il mercato dell’auto

Ma nei Paesi dove mancano gli aiuti le vendite calano di oltre il 30%

Complici gli incentivi, il mercato dell’auto made in Europe prosegue il suo recupero. Nel mese di ottobre, secondo i dati diffusi dall’Acea (Associazione dei costruttori automobilistici europei), il settore ha registrato – per quanto riguarda l’Europa e i Paesi Efta – una crescita delle vendite dell’11,2% su base annua a quota 1.263.305 veicoli. Di conseguenza, il calo tendenziale da inizio anno si riduce: nei primi dieci mesi del 2009 le immatricolazioni hanno registrato un calo del 5% a fronte del – 6,6% dei primi nove mesi.

Buone notizie, dunque, anche se il settore risulta “drogato” dalla presenza degli incentivi varati dai diversi governi europei. Nei paesi dell’Europa occidentale l’aumento è stato del 15,8%. Con punte In Francia (+20,3%), Germania (+24,1%), Spagna (+26,4%) e Gran Bretagna (+31,16%). Anche il mercato italiano, in vista dell’imminente scadenza degli incentivi, segna a ottobre un +15,7% rispetto al +6,8% di settembre.
Nei nuovi Paesi dell’Unione, dove le agevolazioni sono assenti, si è assistito a una netta frenata delle immatricolazioni: – 36,9%. In termini assoluti è un calo poco rilevante, ma è significativo circa l’importanza che hanno gli aiuti pubblici al settore.

Per quanto riuarda i risultati delle singole case, perde terreno la Volkswagen rispetto alle concorrenti. Rispetto allo stesso mese del 2008 la sua quota di mercato scende di un punto (dal 22,2% al 22,1%). La casa tedesca ha fatto registrare un solido +6,3% nelle immatricolazioni di ottobre, con una buona tenuta del marchio Volkswagen (+8,4%) e un exploit di Skoda (+32,8%). Male invece i marchi premium Audi (-12,4%).
Buona tenuta del gruppo Fiat. Ad ottobre la casa di Torino ha visto crescere la sua quota di mercato dall’8,3 dello stesso mese del 2008 all’8,7%. Le immatricolazioni salgono del 16,1%. Guadagnano quote di mercato anche le francesi Psa Peugeot Citroen (dal 12,8% al 13,3%) e Renault (dal 9% al 10,8%). Stabili Gm e Ford. In calo le vendite di Daimler (-3,3%) e Bmw (-9%).

Effetto incentivi, cresce il mercato dell’auto