Immobiliare, per le compravendite primo trimestre dell’anno a segno più

E' la fotografia realizzato dall'Ufficio Studi Nazionale Fimaa

(Teleborsa) Dati ancora in chiaroscuro quelli che fotografano lo stato di salute del mercato immobiliare in Italia dove, comunque, si continuano a registrare segnali positivi che fanno ben sperare per il futuro.

Crescono in media del 4,5% nel primo trimestre dell’anno, le compravendite immobiliari residenziali nelle grandi città, nei capoluoghi di provincia e nei comuni minori italiani, rispetto allo stesso periodo del 2017. Ma l’andamento di compravendite e prezzi degli immobili non va ancora di pari passo: il dato medio nazionale segna infatti un calo dell’1,2%, a differenza delle grandi città dove i valori degli immobili sono in leggerissima risalita (+0,2%).

E’ il quadro tracciato dal sentiment del mercato immobiliare residenziale, relativo al primo trimestre 2018, realizzato dall’Ufficio Studi Nazionale Fimaa – Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari.

SORRIDE IL PRIMO TRIMESTRE DELL’ANNO – Nei primi tre mesi del 2018 la crescita delle compravendite nelle città monitorate (Bologna, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino, Bari e Catania) è pari al 4%, confermando il dato positivo rilevato nel 2017, rispetto all’anno precedente (+5,1%).

BOLOGNA MAGLIA NERA – L’unica grande città che segna un dato negativo fra le 8 monitorate è Bologna (-6%). Ottime, invece, le performance sugli scambi a Milano e Catania (+8%), seguite da Genova (+5,8%), Bari (+5,7%), Torino (+5%), Roma (+3%), Napoli (2,5%).

L’ALTALENA DEI PREZZI – Sul fronte dei prezzi medi di vendita, si registra la solita “altalena” e  il rialzo appare più limitato: +0,2% sul dato del 2017, ma con una variabilità piuttosto consistente. Ottima la performance di Bologna (+4%), seguita da Bari (1,7%), Genova (1,25%), Milano (+1%). Prezzi stabili a Torino, ancora in calo, invece, a Roma (-0,5), Catania (-2%) e Napoli (-4%). 

La quota di appartamenti nuovi compravenduti sul totale delle vendite è pari all’11,4% mentre sul prezzo di vendita si riesce a calare in media fino al 12,6% rispetto al prezzo richiesto. Servono in media quasi 8 mesi per riuscire a piazzare un’abitazione. 

 

 

Immobiliare, per le compravendite primo trimestre dell’anno a se...