Il Prosecco sta finendo. Colpa degli inglesi che ne bevono troppo

Gli esperti lanciano l'allarme circa le forniture di Prosecco

Stanti gli ottimi risultati di produzione e vendita esposti durante in Vinitaly, gli espeerti del settore lanciano l’allarme: il Prosecco italiano è in pericolo, e la ragione è il troppo consumo che ne facciamo rispetto alla capacità produttiva. Noi italiani, ma soprattutto gli inglesi, sempre più appassionati del celebre vino bianco.

I dati pubblicati in The Grocer hanno rivelato che gli inglesi hanno bevuto più di 40 milioni di litri di vino spumante italiano solo nel 2015, per un aumento del 37% fino a 365 milioni di line, che è otto volte la quantità che gli stessi sudditi di Sua Maestà acquistavano nel 2012 .

Il problema principale è rappresentato dal fatto che il Prosecco può essere prodotto solo in nove province in Italia, e la domanda sta superando fornitura.

Tanto che l’esigenza è ora quella di trovare modi alternativi per coprire la domanda di vino in Inghilterra. Rivenditori e importatori d’Oltremanica iniziano infatti a cercare alternative per alimentare la domanda del Regno Unito, con Spagna, Francia e Germania che diventano all’improvviso attraenti. Anche se il loro prodotto non sarà Prosecco.

Leggi anche:
Vinitaly: la classifica dei vini più venduti in italia
Vini Doc addio. “Da Aglianico a Barbera, scippo da 3 miliardi targato Ue”
TTIP: così il trattato Europa-Usa può cambiare la nostra alimentazione

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il Prosecco sta finendo. Colpa degli inglesi che ne bevono troppo