Il presidente dell’Anas licenzia se stesso da direttore. E prende l’indennità

Il caso risale all'estate 2013 ed è l'ennesima storia di furbizia tutta italiana

Pietro Ciucci presidente di Anas licenzia Pietro Ciucci direttore generale di Anas. E lo fa con una lettera e senza preavviso, così da intascare anche una ricca buonuscita da 1 milione 825.745,53 euro. E’ una storia tutta italiana che riguarda una società pubblica.

Vedi anche:
Concorrenza: penale per cambio gestore? Ecco quando scatta
Liberalizzazioni a metà. Cosa cambia per le nostre tasche
Cambiano le RC Auto: ecco come ottenere i nuovi sconti
Poste: stangata sulle tariffe in attesa della privatizzazione. Tutti gli aumenti

DIMISSIONI? NO, AUTOLICENZIAMENTO – Succede tutto nell’estate 2013, quando Ciucci rinuncia al doppio incarico e decide di lasciare la direzione. Ma non si dimette, bensì si autolicenzia. La differenza tra le due scelte implica circa 780mila euro, perché se Ciucci si fosse semplicemente dimesso non avrebbe intascato anche l’indennità di “mancato preavviso”. Che invece gli spetta col licenziamento.
Non solo: il calcolo della buonuscita elaborato dagli uffici dell’Anas tiene conto dell’indennità di mancato preavviso e anche di quella spettante “in caso di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro”. Ovvero si è licenziato senza avvertirsi prima ma era allo stesso tempo d’accordo con se stesso sul licenziarsi. (Continua sotto)

INTERPELLANZA ALLA CAMERA – Il 20 febbraio scorso si è svolta alla Camera un’interpellanza urgente per chiarire la questione dei compensi percepiti da Ciucci; in quell’occasione il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta ha confermato l’entità della buonuscita, ma ha escluso che fosse stata riconosciuta l’indennità di mancato preavviso. Il Fatto Quotidiano, però, ha diffuso documenti che affermano il contrario; in particolare  un foglio di carta intestata Pietro Ciucci, senza qualifica (né di direttore generale né di presidente e amministratore) nel quale lo stesso Pietro Ciucci firma una richiesta di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro (protocollata il 9 agosto 2013). Il calcolo della buonuscita, che gli è stata riconosciuta tiene conto, però, anche dell’indennità di mancato preavviso e pure quella spettante "in caso di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro".

L’ANAS – Il Fatto Quotidiano è anche andato a chiedere spiegazioni all’Anas, che ha ammesso che le cose stanno così sostenendo che "è stata data esecuzione al contratto di lavoro individuale" di Ciucci che "disciplinava le condizioni economiche dello scioglimento secondo regole standardizzate” del ministero dell’Economia".

Il presidente dell’Anas licenzia se stesso da direttore. E prend...