I figli costano, arrivano i prestiti agevolati per i neonati

Fino 5 mila euro a tasso dimezzato per le famiglie che hanno un figlio da qui al 2011. Ma l'ultima parola spetta alle banche

In tempi in cui le banche stringono i cordoni delle borsa e l’accesso al credito diventa un percorso a ostacoli c’è un modo per ottenere facilmente un finanziamento di 5.000 euro: fare un figlio. Probabilmente è più corretto invertire l’ordine dei fattori: le famiglie che hanno avuto o avranno un bambino (nato o adottato) nel 2009, 2010 e 2011 potranno accedere a un prestito a tasso agevolato.

E’ una possibilità offerta dal “Fondo per i nuovi nati“, l’iniziativa di finanziamento agevolato per i bebè lanciata con il decreto anticrisi che sarà operativa dal 1° gennaio 2010. E’ stato firmato in questi giorni, infatti, il Protocollo d’intesa tra governo e Abi (l’Associazione bancaria italiana) per l’organizzazione e il funzionamento del Fondo, che dispone di uno stanziamento per il triennio di 85 milioni di euro.


Metà del tasso di mercato

Il prestito potrà ammontare a un massimo di 5.000 euro da restituire in 5 anni a un tasso fisso del 4,80%, che corrisponde alla metà del tasso medio per queste operazioni. Il finanziamento è finalizzato ad agevolare le famiglie in un momento in cui devono far fronte alle più comuni spese legate alla nascita e all’assistenza dei nuovi figli.

Un’attenzione particolare viene posta nei confronti dei bambini affetti da malattie rare per i quali il prestito sarà assistito anche da un contributo in conto interessi che abbatte il tasso effettivo allo 0,50%.
Per le banche il rischio dell’operazione è molto ridotto: saranno garantite infatti dal Fondo fino al 75% dell’eventuale insolvenza.

Ora tocca alle banche
Nel protocollo Abi-governo sono contenute tutte le modalità di adesione delle banche e degli intermediari finanziari che erogheranno il prestito. L’ultimo passo per arrivare alla piena operatività saranno gli accordi con i singoli istituti di credito, la cui adesione è comunque facoltativa. Il che lascia ancora qualche incertezza sull’effettiva disponibilità di questa agevolazione per le famiglie. (A.D.M.)

I figli costano, arrivano i prestiti agevolati per i neonati