Bollette, gruppi d’acquisto energia per tariffe convenienti. Come funziona

Le occasioni di risparmio offerte dalla liberalizzazione del mercato dell'energia

Unirsi per negoziare il prezzo migliore con i fornitori di energia del settore privato. Insieme costa meno.  E’ questa in sintesi la proposta del gruppo di acquisto lanciato da Altroconsumo, la più grande associazioni di consumatori presente in Italia, con la campagna Abbassa la bolletta (è possibile aderire gratuitamente fino al 30 settembre 2014).
L’associazione segnala che "sono oltre 77.000 le famiglie che hanno già aderito al gruppo d’acquisto energia, valido su tutto il territorio italiano e che il risparmio medio annuo stimato su luce e gas per coloro che hanno effettuato lo switch con Abbassa la bolletta 2014 sale a 210 € rispetto ai 135 € stimati per i profili di consumo medio stabiliti dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas".

COME FUNZIONA
Con la liberalizzazione del mercato dell’energia si è aperta infati la possibilità di creare gruppi di acquisto in grado di indire aste rivolte ai fornitori di energia elettrica e stipulare un accordo con chi, tra le società presenti sul mercato, sarà in grado di offrire le condizioni migliori.
Un sistema che funziona già in altri contesti europei e che in Italia è stato avviato nel 2013, con il primo gruppo di acquisto di energia sul territorio nazionale aperto ai possessori di un contratto per la fornitura di elettricità o di gas metano a uso domestico (mentre più diffusi sono in genere contratti industriali), lanciato appunto da Altroconsumo.

GRUPPI DI ACQUISTO, MA NON SOLO
Secondo SosTariffe.it, sito indipendente specializzato nella comparazione delle tariffe, l’iniziativa di Altroconsumo si inserisce nel panorama delle proposte concesse dalla liberalizzazione del mercato dell’energia, rappresentando una buona occasione di risparmio, ma non l’unica.
"La concorrenzialità di tale mercato ha permesso infatti, – spiega Alessandro Voci di SosTariffe.it – di ridurre negli anni il costo medio al kWh dell’energia (che rappresenta comunque metà delle voci di costo che compongono una bolletta) come recentemente stimato dal nostro studio sulle tariffe biorarie che mostra un calo del costo dell’energia in fascia serale e nei giorni festivi di oltre il 36%.
Dunque un utente medio può risparmiare con il mercato libero anche senza partecipare ai gruppi di acquisto, dato che esistono diverse tariffe che offrono incentivi per i nuovi clienti che possono portare un effettivo risparmio: se si sommano i vantaggi ottenuti sottoscrivendo una nuova offerta per luce e una per gas del mercato libero, il risparmio può raggiungere i 200 euro annui. Secondo un nostro studio condotto lo scorso anno, infatti, se si analizzano quattro profili di consumo tipo: single, con un fabbisogno annuo di 1900 kWh, coppia (2900 kWh l’anno), famiglia di 4 persone (4300 kWh) e famiglia numerosa (6300 kWh), esistono nel mercato libero delle proposte commerciali vantaggiose. Presupponendo, infatti, di aver individuato l’offerta migliore possibile, la forbice della convenienza varia dai 44 euro annui, risparmiati dal profilo single, ai 103 euro della famiglia numerosa".
 
VEDI ANCHE
Energia, la tariffa bioraria conviene ancora? Bollette a confronto
Bollette, il conto salato dell’energia non consumata. I costi occulti
Bolletta 2.0 e contatori ‘intelligenti’, le novità. I bonus 2014

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bollette, gruppi d’acquisto energia per tariffe convenienti. Com...