Governo, quanto guadagnano Conte e i suoi ministri

Il premier quadruplica i suoi redditi, tra i più ricchi sul podio anche Franceschini e Lamorgese

Il premier Giuseppe Conte è l’esponente del Governo più ricco, con 1,2 milioni di euro dichiarati nel 2018. Lo rivelano le dichiarazioni dei redditi dei parlamentari e dei ministri in carica. Conte avrebbe moltiplicato di quattro volte il suo reddito precedente.

Tuttavia, spiegano da Palazzo Chigi, questa ricchezza è dovuta al fatto che nel 2018, una volta ricevuto l’incarico di Primo Ministro, Conte ha dovuto chiudere la sua attività di avvocato emettendo le relative fatture, e ciò ha contribuito a far lievitare i suoi guadagni dai 380.000 euro circa dichiarati nel 2017 a quelli dell’anno successivo. Il premier non ha fatto investimenti nell’anno di riferimento, pertanto le sue proprietà risultano ancora un fabbricato a Roma e una Jaguar del 1996.

Dietro al premier, sul secondo gradino del podio dei ministri più ricchi, si piazza Dario Franceschini. L’esponente PD, ora alla guida del Ministero per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo, dichiara 251.947 euro. Tra le sue proprietà figurano tre immobili, di cui due ceduti alla moglie e alle figlie, due auto del 2002 e del 2005 e una moto Bmw del 1979.

La medaglia di bronzo va al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che dichiara un reddito da 162.713 euro. Il Ministro ed ex Prefetto di Milano risulta titolare di sette fabbricati in comproprietà, cinque a Roma, uno a Potenza e uno a Milano. Possiede una Toyota Aygo del 2009 e ben quattro investimenti in società, in due casi sono azioni, nei rimanenti due sono titoli derivati.

Mancano ancora la dichiarazione dei redditi di Luigi Di Maio, Paola Pisano ed Elena Bonetti, ma per quel che riguarda il vicepremier e capo del Movimento 5 Stelle, la documentazione del 2018 con redditi riferiti al 2017 indica 98.000 euro di guadagni.

Di Maio insomma risulta meno ricco di altri esponenti del suo stesso esecutivo. Infatti bel Governo Conte bis ci sono altri “paperoni” con redditi sopra i 100.000 euro. Ad esempio il titolare della Giustizia, Vincenzo Bonafede, che dichiara redditi per 162.000 euro e si piazza ai piedi del podio. Seguono: Lorenzo Guerini che dichiara 137.000 euro, il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo “ferma” a 120.000 euro, stessi redditi di Francesco Boccia. Sergio Costa dichiara 106.000 euro, e stacca di un migliaio di euro il titolare dell’Economia Roberto Gualtieri, che dichiara circa 1.000 euro di redditi in Italia a cui si sommano i 104.000 euro da europarlamentare.

Il più “povero” è Vincenzo Amendola: il ministro per gli Affari Europei ha redditi complessivi pari a 46.000 euro circa.

Come sempre il politico italiano più ricco è Silvio Berlusconi: l’ex premier ora parlamentare europeo vanta redditi da 48 milioni di euro, staccando di netto Giuseppe Conte. Tra i senatori, spiccano gli 800.000 euro di redditi dichiarati da Matteo Renzi, mentre l’altro Matteo, Salvini, si ferma a 76.000 euro di redditi e un investimento da 1,1 milione di euro in una sicav lussemburghese. A proposito di investimenti, singolare quello dichiarato dal Ministro per le infrastrutture Paola De Micheli: 54.000 euro in fondi di investimento in Banca Mediolanum.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo, quanto guadagnano Conte e i suoi ministri