Gas: avviate dall’Autorità verifiche sui conguagli in bolletta

A seguito di numerose segnalazioni delle Associazioni e dei consumatori che hanno lamentato bollette del gas con importi anomali, l'Autorità ha avviato i controlli e rammenta i diritti del cliente

L’Autorità per l’energia ha avviato, nel corso delle ultime settimane, verifiche sulle modalità con cui alcuni operatori stanno applicando in bolletta i conguagli per il servizio gas; ciò a seguito di segnalazioni di Associazioni e di consumatori che si sono rivolti anche allo Sportello per il consumatore di energia e che lamentavano bollette di conguaglio con importi anomali.

Sulla base di queste segnalazioni, l’Autorità ha inviato richieste formali di informazioni e chiarimenti agli operatori coinvolti per poter adottare al più presto tutte le misure eventualmente necessarie a tutelare i clienti del servizio gas e a garantire la correttezza degli importi applicati in bolletta.

L’Autorità rammenta comunque che in caso di conguagli elevati, il cliente ha il diritto di richiedere un pagamento rateizzato degli importi, e che questo diritto deve essere esplicitamente indicato in bolletta dal venditore di energia. Il cliente che ritenesse errati i calcoli evidenziati in una bolletta già pagata o rateizzabile, può richiedere al venditore la rettifica. Il venditore deve dare al cliente una risposta scritta motivata entro 40 giorni e se la bolletta è effettivamente errata deve restituire le somme, eventualmente pagate in eccesso dal cliente, entro 90 giorni.(fonte: TELEBORSA)

Gas: avviate dall’Autorità verifiche sui conguagli in boll...