Il futuro dell’e-commerce? È nei pagamenti differiti

Il futuro dell'e-commerce sono i pagamenti differiti. Lo dimostra il successo di Klarna, startup che consente di acquistare la merce e pagare in seguito

Il futuro dell’e-commerce è nei pagamenti differiti. Lo dimostra il successo nei nuovi servizi che consentono di comprare la merce e di pagarla in seguito, ma soprattutto i dati resi noti dal rapporto Fintech 2017 di Pricewaterhouse Cooper secondo cui nei prossimi cinque anni l’82% degli istituti finanziari aumenterà le partnership con i siti di e-commerce, per garantire una maggiore flessibilità nei pagamenti, con un ritorno del 20% degli investimenti.

La novità è in linea con le nuove richieste dei consumatori, che sempre di più sono alla ricerca di una soluzione per ottenere la merce subito e senza problemi. Sino a qualche tempo fa queste richieste erano soddisfatte, soprattutto negli Stati Uniti, dalle carte di credito, che consentivano di fare acquisti, anche ambiziosi, con semplicità.

Il bacino d’utenza, che porterebbe nuovi clienti agli e-commerce, è, secondo un’indagine WorldPay, quella dei giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, ossia coloro che presentano maggiori probabilità di scegliere opzioni di pagamento che siano alternative.

In base ad un rapporto di Mobile Ecosystem Forum, il 58% delle persone che comincia online una procedura di pagamento, la abbandona prima del checkout finale. Secondo il 31% ciò è causato dalla richiesta di informazioni troppo sensibili, per il 21% il processo risulta eccessivamente lungo. Non solo: il sondaggio ha anche evidenziato come l’opzione “compra ora, ma paga dopo” potrebbe aiutare a ridurre drasticamente il numero di checkout interrotti, consentendo di portare a termine molte transazioni sugli e-commerce.

Semplificare i pagamenti dunque potrebbe essere la scelta vincente per aumentare il giro di affari. Lo dimostra il successo delle numerose fintech che stanno rivoluzionando il rapporto fra commercianti e clienti, rendendo sempre più “reali” anche le esperienze di acquisto realizzate online, garantendo pagamenti differiti nel tempo.

Ad esempio la svedese Klarna, istituto finanziario regolamentato dall’Unione Europea, si occupa ormai da tempo di fare da intermediario fra acquirente e venditore nel corso degli acquisti online. Come funziona? Klarna consente al cliente di pagare dopo che ha ricevuto a casa la merce acquistata sull’e-commerce. La startup, che ha sede a Stoccolma, conta un bacino di utenza di 60 milioni di consumatori e di 70 mila operatori retail, e il suo giro d’affari è destinato a crescere. Segno che i pagamenti differiti sono il futuro del commercio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il futuro dell’e-commerce? È nei pagamenti differiti