Formigoni, continuano le confische: quadri, box, case e terreni

Quattro dipinti antichi del valore di 70mila euro sono stati consegnati direttamente ai militari della Guardia di Finanza dall'avvocato di Formigoni

Hanno un valore complessivo di 70mila euro circa i beni di Roberto Formigoni che dovevano ancora essere confiscati dopo la condanna definitiva a 5 anni e 10 mesi.

Si tratta di quattro quadri antichi, che entrano ora a far parte ufficialmente del patrimonio dello Stato. I quadri sono stati consegnati direttamente ai militari della Guardia di Finanza dall’avvocato di Formigoni, Mario Brusa, dopo che i finanzieri avevano eseguito altre confische sia a carico di Formigoni sia a carico di altri co-imputati.

Come riporta Corriere, sono tre tele acquistate tra il 2010 e il 2012 con fondi delle Ferrovie Nord da Norberto Achille, l’allora presidente dell’ente che ha patteggiato due anni di reclusione (pena sospesa) per le spese pazze fatte usando le carte di credito dell’ente. Achille aveva regalato i quadri a Formigoni. Il quarto è un dono del 2009 fatto da Giuseppe Grossi, il defunto re delle bonifiche che fu coinvolto nell’inchiesta sull’inquinamento dell’area di Santa Giulia. È il dipinto che vale di più, dato che è stimato intorno ai 50 mila euro.

L’ex presidente della Regione Lombardia è in carcere a Bollate dal 25 febbraio per scontare la condanna per il caso della corruzione legata alla Fondazione Maugeri e al San Raffaele.

Su ordine della Corte d’Appello, la Guardia di Finanza ha confiscato all’ex governatore anche circa 32mila euro in tre conti correnti e le quote di alcune proprietà di famiglia: due box, un terreno, alcune abitazioni a Lecco e una casa a San Remo. C’è anche il 50% della villa di Arzachena (Sassari) che, secondo l’accusa dei pm Laura Pedio e Antonio Pastore, sarebbe stata venduta da Pierangelo Daccò ed acquistata da Formigoni con l’amico Alberto Perego (che è stato assolto) per tre milioni, ma con uno sconto di almeno un milione e mezzo sul valore reale.

Formigoni, continuano le confische: quadri, box, case e terreni