Fini a processo per riciclaggio: rischia 30 anni

Rinviato a giudizio l'ex presidente della Camera, la sua compagna Elisabetta Tulliani, il fratello Giancarlo, attualmente a Dubai, il padre Sergio e il 're delle slot' Francesco Corallo

Gianfranco Fini, ex segretario di Alleanza nazionale ed ex Presidente della Camera, andrà a giudizio per riciclaggio. Il gup di Roma ha rinviato a giudizio Fini, la sua compagna Elisabetta Tulliani, il fratello Giancarlo, attualmente a Dubai, il padre Sergio e il ‘re delle slot’ Francesco Corallo. Il processo è stato fissato per il 30 novembre davanti alla quarta sezione penale.

Tra le operazioni al centro dell’indagine anche la vendita della casa di Montecarlo, lasciata in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad Alleanza Nazionale, che sarebbe stata acquistata, secondo l’accusa, da Giancarlo Tulliani attraverso società off-shore con i soldi dell’imprenditore Corallo, accusato di associazione a delinquere finalizzata al peculato, riciclaggio ed evasione fiscale. Un’operazione effettuata nel 2008, per poco più di 300mila euro e che con la cessione dell’immobile nel 2015 fruttò un milione e 360mila dollari. Rinviati a giudizio anche altri cinque indagati tra i quali l’esponente di Forza Italia Amedeo Laboccetta.

“Siamo convinti che riusciremo a dimostrare l’estraneità di Gianfranco Fini all’esito dell’istruttoria dibattimentale. Il gup ha rinviato tutti a giudizio ritenendo che la vicenda, così complessa e articolata, anche alla luce di quanto argomentato da noi difensori, sia meritevole di essere sottoposta al vaglio del tribunale”, ha detto il difensore di Fini, l’avvocato Francesco Caroleo Grimaldi.

Leggi anche:
La Corte dei Conti sequestra 5 milioni di euro a Formigoni per il caso Maugeri
Tangenti: Formigoni condannato a 6 anni

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fini a processo per riciclaggio: rischia 30 anni