In Europa male gli ordini dell’industria. Fiducia dei consumatori in calo

I dati macroeconomici mostrano segnali di un deciso rallentamento. In Italia disoccupazione record

Il rallentamento dell’economia mondiale, soprattutto negli Stati Uniti, inizia a presentare il conto anche al vecchio continente. A luglio i nuovi ordini industriali nei sedici Paesi dell’area sono diminuiti del 2,4%. In Italia il calo è stato del 3,2% dopo una diminuzione del 5,6% in giugno.
I dati diffusi da Eurostat dicono che nell’Unione europea il calo degli ordini ha toccato il 2,3% dopo che a giugni erano saliti al 2,5%. Comunque su base annua prevale il segno positivo: 11,2% nell’area euro e12,% nella Ue.
I dati, seppure negativi, sembrano scongiurare il cosiddetto duoble dip (ovvero la ricaduta nella recessione). Gli economisti sono concordi nel vedere un deciso rallentamento delle performance, ma che non dovrebbero sconfinare in territorio negativo.
Male anche il dato sulla fiducia dei consumatori. Secondo quanto comunicato dalla direzione generale economico finanziaria a settembre l’indice è passato a -11,2 rispetto a – 11,4 di agosto per la zona euro, e da – 11,2 a – 11,8 per l’Unione. Ad agosto invece i dati avevano mostrato un deciso miglioramento rispetto a luglio e giugno.

E i dati diffusi dall’Istat sul lavoro sono un chiaro segnale di come la situazione economica, soprattutto in Italia, sia sulla via di un rapido peggioramento. Il tasso di disoccupazione nel secondo trimestre del 2010 è salito all’8,5%. Lo comunica l’istituto si statistica aggiungendo che si tratta dal livello più alto dal terzo trimestre del 2003. L’aumento è stato di 0,1 decimi di punto rispetto al primo trimestre e di un punto nel confronto con il secondo trimestre dell’anno scorso. Particolarmente preoccupante il dato sui giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni: sono disoccupati il 27,9% e in questo caso si tratta del massimo dal secondo  trimestre del 1999.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In Europa male gli ordini dell’industria. Fiducia dei consumatori in...