Esiste un paese dove i Millennials stanno diventando ricchi

Mentre in tutto il mondo i giovani non riescono a trarre vantaggio dal mercato del lavoro, in un paese c’è chi sta diventando più ricco dei genitori

I Millennials sono la generazione famosa per essere ancora più povera dei genitori, ma a quanto pare c’è un paese che va in controtendenza.

La crisi economica del 2007 ha messo in ginocchio l’economia globale. La disoccupazione è schizzata alle stelle in ogni paese del mondo e anche chi aveva un posto di lavoro assicurato non è detto che sia riuscito a mantenerlo. Molte aziende sono fallite, altre hanno tagliato il personale. Ma, cosa ancora più importante, il mercato del lavoro è cambiato: il contratto collettivo è praticamente scomparso, mentre sono proliferate altre tipologie di collaborazione, spesso sottopagate rispetto al passato. Così i giovani si trovano – in ogni parte del mondo – a non potersi permettere di pagare un mutuo o comprarsi una macchina, cosa che invece i loro genitori erano stati in grado di fare.

Se i Millennials di tutto il mondo lottano con bollette, lavori sottopagati e stage non retribuiti, c’è chi invece ha invertito la rotta e si sta arricchendo. Questo “miracolo” sta accadendo in Norvegia, dove i trentenni hanno un reddito familiare medio annuo di circa 56mila dollari. I giovani norvegesi hanno registrato un incremento del 13% del loro patrimonio rispetto alla generazione X (ossia i nati tra il 1966 e il 1980). Anche la disoccupazione in Norvegia è relativamente bassa, dato che si attesta sul 9,4%.

Come mai in Norvegia le cose sono differenti rispetto al resto del mondo? Innanzitutto c’è da dire che la sua economia è cresciuta negli ultimi anni, e il paese ha ben resistito alla crisi finanziaria globale. Questo è accaduto perché il settore petrolifero e del gas in Norvegia è stato il traino per il boom economico. Non solo per le importanti scoperte avvenute nel mare del Nord, ma anche per la gestione oculata delle risorse. A differenza di altri paesi, dove la ricchezza è incentrata in poche mani, in Norvegia tutti hanno potuto godere dei risultati derivanti dal settore. I soldi sono stati messi in un fondo sovrano che investe in circa 9mila aziende, che a loro volta possono investire nel mondo del lavoro, dando accesso a questa ricchezza che viene così messa in circolo. Senza contare che i salari minimi sono garantiti dallo Stato dopo la negoziazione dei sindacati. Un modello che, per adesso, sembra sia risultato vincente.

Esiste un paese dove i Millennials stanno diventando ricchi