Ecuosacco: ecco quanti sacchetti gratuiti vengono forniti

Ecuosacco si basa sulla diffusione di sacchetti gratis con lo scopo di andare a ridurre drasticamente nel tempo i rifiuti. Di seguito scopriamo quanti sono quelli che vengono erogati

Quanto si conosce dell’ecuosacco? Di questi sacchetti gratis che vengono diffusi dalle amministrazioni comunali al fine di diminuire i rifiuti? Di recente si sta notevolmente parlando di quest’iniziativa che rientra in un nuovo progetto strettamente legato alla raccolta differenziata. Eppure non mancano alcuni dubbi sollevati dai cittadini sull’argomento: in particolar modo le frequenti domande si focalizzano sulla reale funzionalità di queste buste per il secco e sul numero di sacchetti che deve essere fornito alle famiglie.

L’ecuosacco, servizio pensato per difendere l’ambiente, offre sacchetti gratis alle persone, differentemente da come accadeva in passato. In più viene sottolineato che ogni anno le famiglie ottengono una quantità di buste che viene calcolata tenendo presente i dati anagrafici ed il numero dei componenti che costituiscono un nucleo familiare. Per quale motivo? Perché ovviamente i rifiuti prodotti durante l’arco di 24 mesi cambiano considerevolmente da famiglia a famiglia: c’è, infatti, chi consumerà di meno e chi di più. Incide nella distribuzione anche la presenza di bambini, di anziani oltre che di individui con particolari difficoltà.

Non mancano, purtroppo, le persone che fanno un uso sbagliato di questi sacchetti gratis. È molto importante evitare uno spreco e scegliere un vivere ecologico. Al di là di ciò, si fa sapere che coloro che avranno bisogno di buste in più le dovranno pagare. Le critiche nei riguardi dell’Ecuosacco non si sono fatte attendere. Le amministrazioni comunali hanno spiegato che la necessità per alcuni cittadini di arrivare alla richiesta di ulteriori buste è la conseguenza di stili di vita non corretti. Il pagamento, a sua volta, è necessario in quanto lo smaltimento del secco ha un costo davvero significativo che rientra nei bilanci.

Con l’Ecuosacco i sacchetti gratis diventano nominali. Che cosa vuol dire? Che ogni busta con i rifiuti sarà facilmente riconoscibile attraverso un codice a barre. Chi dunque realizzerà una raccolta sbagliata o ancora lascerà la sua busta in un posto non considerato adeguato sarà non solo rintracciato, ma anche soggetto ad una spiacevole contravvenzione. Pure in questo caso ne è sorta una querelle: il presupposto è che per molti non è plausibile poter multare le persone per una novità ancora poco conosciuta e che per di più non ha neanche avuto il tempo di essere stata fatta propria dai cittadini.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ecuosacco: ecco quanti sacchetti gratuiti vengono forniti