Decreto agosto, altri 500 milioni per l’Ecobonus auto: i modelli che possono essere acquistati

Il Governo ha deciso di rifinanziare la misura per svecchiare il parco auto circolante. Ecco i modelli che godono dello sconto

Con la bollinatura della Ragioneria di Stato, il “Decreto agosto” compie un altro passo verso l’approvazione definitiva. Il provvedimento, infatti, ha ricevuto l’Ok dai “ragionieri” dell’Erario, che hanno così verificato (e “bollinato”) che tutte le misure al suo interno abbiano adeguata copertura economica.

Dei 25 miliardi totali che compongono la manovra estiva ideata dal Governo Conte (il terzo discostamento di bilancio dall’inizio dell’emergenza Covid), 500 milioni saranno dedicati al rifinanziamento dell’Ecobonus veicoli. La misura ha avuto un successo superiore anche alle più rosee aspettative, e i 50 milioni previsti dal Decreto Rilancio sono stati “bruciati” nel giro di appena una settimana (dal 1 all’8 agosto). Per questo, l’Esecutivo ha deciso di decuplicare le risorse, parte delle quali saranno destinate a finanziare l’installazione di nuove colonnine di ricarica per auto elettriche.

Decreto agosto, nuove risorse per l’Ecobonus auto

Dopo che la prima tranche dell’Ecobonus (50 milioni di euro che, teoricamente, sarebbero dovuti durare fino al 31 dicembre 2020) è andata esaurita in appena sette giorni, l’Esecutivo ha deciso di rifinanziare la misura con mezzo miliardo di euro.

Di questi, 410 milioni sono dedicati all’acquisto di nuove auto ecologiche, mentre 90 milioni serviranno a finanziare l’installazione di nuove colonnine di ricarica per auto elettriche. Lo scopo dell’incentivo, infatti, è quello di svecchiare il parco circolante nel nostro Paese e favorire la diffusione di auto a trazione elettrica o ibrida.

Ecobonus auto 2020: quali modelli usufruiscono dell’incentivo

Il Decreto agosto, poi, non è servito solo a rifinanziare la misura. L’Esecutivo ha infatti rivisto anche le fasce di emissioni di anidride carbonica in base alle quali viene assegnato l’incentivo economico sull’acquisto di nuove automobili. Restano invariate le prime due fasce (da 0 a 20 grammi di CO2 per chilometro percorso e da 21 a 60 grammi di CO2 per chilometro percorso), mentre l’ultima fascia (da 61 a 120 grammi per chilometro) viene divisa in due fasce (da 61 grammi a 90 grammi e da 91 grammi in su).

Chi decide di rottamare un veicolo vecchio di almeno 10 anni, riceverà:

  • 10 mila euro di ecoincentivo per auto con un massimo di 20 grammi di CO2 per chilometro;
  • 6.500 euro di ecoincentivo per auto con emissioni comprese tra i 21 grammi e i 60 grammi di CO2 per chilometro (ibride plug-in);
  • 3.750 euro di ecoincentivo per auto con emissioni comprese tra 61 grammi e 90 grammi di CO2 per chilometro;
  • 3.500 euro di ecoincentivo per auto con emissioni fino a un massimo di 120 grammi di CO2 per chilometro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Decreto agosto, altri 500 milioni per l’Ecobonus auto: i modelli...