Dl fisco: Bonus Tari, Rc familiare, bollo auto, tutte le novità

Nel primo passaggio parlamentare del decreto legge fiscale è stato introdotto un corposo pacchetto di novità

C’è l’Rc auto ‘familiare’ e il ravvedimento operoso per gli enti locali, insieme al bonus Tari per i nuclei disagiati, e allo stanziamento di quasi mezzo miliardo di euro per la rete ferroviaria nazionale. Poi ci sono le novità sulle manette per gli evasori, insieme al rinvio dell’obbligo di installare nelle auto i seggiolini antiabbandono e lo slittamento di sei mesi dell’inaugurazione della lotteria degli scontrini. A cui si aggiungono le misure per contrastare le diverse emergenze che assillano il Paese, dal maltempo all’edilizia scolastica.

Nel primo passaggio parlamentare del decreto legge fiscale – che ha ottenuto il via libera della Camera alla fiducia posta dal governo (i voti favorevoli sono stati 310, quelli contrari 199, mentre il voto finale del provvedimento è previsto nella giornata di venerdì) – è stato introdotto un corposo pacchetto di novità.

Dopo il via libera al provvedimento, l’edizione che uscirà da Montecitorio sarà anche quella che dovrà essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale: a limitare l’azione del Parlamento non sono solo i tempi stretti entro cui va approvato il decreto legge (che ‘scade’ il 25 dicembre) ma anche gli altri impegni lavorativi, a partire dal ddl bilancio, che insieme al dl compone la manovra 2020.

Rc auto familiare

Gli assicurati ‘virtuosi’ potranno beneficiare, anche in sede di rinnovo, della classe di merito più favorevole per diversi veicoli. L’impresa di assicurazione, infatti, dovrà assegnare al contratto relativo a un ulteriore veicolo, anche di diversa tipologia, la medesima classe di merito risultante dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato.

Tari

Viene prorogata la modalità di misurazione della tassa sui rifiuti da parte dei comuni, sulla base di un criterio medio-ordinario e non sull’effettiva quantità di rifiuti prodotti. Il termine di deliberazione delle tariffe viene fissato al 30 aprile 2020. Mentre dal primo gennaio 2021 dovrebbe scattare l’accesso a condizioni tariffarie agevolate per le famiglie in condizioni economico-sociali disagiate.

Modello 730

Vengono introdotte numerose modifiche in materia di dichiarazione dei redditi e di assistenza fiscale. Viene differito dal 23 luglio al 30 settembre il termine per la presentazione del 730; è riformulato il termine entro cui i centri di assistenza fiscale dipendenti, i professionisti abilitati e i sostituti d’imposta devono effettuare le comunicazioni ai contribuenti e all’Agenzia delle entrate; mentre il termine per effettuare il conguaglio d’imposta diventa mobile.

Carcere evasori

Rispetto alla norma contenuta nel decreto legge varato dal Cdm sul carcere per gli evasori fiscali, la Camera ha attenuato le pene per le condotte non fraudolente, per le quali è esclusa la confisca allargata. Inoltre, anche per le condotte fraudolente, potrà essere applicata la causa di non punibilità, in caso di integrale pagamento del debito tributario.

Lotteria scontrini

Si posticipa la lotteria scontrini, dal primo gennaio al primo luglio 2020, con un meccanismo di segnalazione qualora l’esercente si rifiuti di trasmettere il codice utente per partecipare alla lotteria.

Seggiolini antiabbandono

Si rinviano al 6 marzo 2020 le sanzioni per la mancata installazione nei veicoli dei seggiolini antiabbandono.

Ravvedimento operoso

Amplia l’ambito operativo estendendo a tutti i tributi, inclusi quelli regionali e locali, alcune riduzioni sanzionatorie, in precedenza riservate ai tributi amministrati dall’Agenzia delle entrate, per i tributi doganali e per le accise.

Ferrovie

E’ autorizzata la spesa di 460 milioni di euro per investimenti infrastrutturali nella rete ferroviaria nazionale nel 2019. Le risorse arrivano per la maggior parte dai risparmi derivanti dal reddito di cittadinanza (200 mln) e da quota 100 (200 mln).

Auto

Il pagamento cumulativo della tassa automobilistica, già previsto per i veicoli concessi in locazione finanziaria, viene esteso anche ai veicoli concessi in locazione a lungo termine senza conducente. Si stabilisce, inoltre, che il bollo auto dovrà essere pagato dagli ‘utilizzatori a titolo di locazione’ spostando quindi il versamento del tributo dalla sede della società che affitta i mezzi alla regione dove risiede chi utilizza il mezzo. Infine, dal primo gennaio del prossimo anno, sarà obbligatorio pagare la tassa automobilistica con la piattaforma PagoPa.

In collaborazione con Adnkronos

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dl fisco: Bonus Tari, Rc familiare, bollo auto, tutte le novità