Distribuzione automatica, settore da 3,4 miliardi di euro l’anno

Lombardia primo mercato dal Dopoguerra a oggi

(Teleborsa) – A chi questa estate non è mai capitato di fermarsi a un distributore automatico per prendere una bibita, uno snack o un tramezzino? Magari alla banchina della stazione o all’aeroporto, per ingannare l’attesa prima della partenza per un viaggio? Il mercato della Distribuzione Automatica in Italia vale 3,4 miliardi di euro e può contare nell’anno in corso su un incremento percentuale superiore al 3%. Numeri alla mano, secondo i dati di Confida,  l’associazione che riunisce le aziende del settore, sono 10,5 miliardi le consumazioni erogate in media all’anno da oltre 800 mila ending machine installate in tutta la Penisola. I dati della Camera di Commercio di Milano mostrano come questo sia un mercato dinamico, in grado di attrarre nuove iniziative imprenditoriali e start up. Il mercato e’ costituito da alcune medio e grandi aziende ma soprattutto da moltissime PMI che operano prevalente in territori circoscritti per le modalità’ del servizio che comprende l’installazione della macchina, la sua manutenzione e pulizia periodica e il rifornimento dei prodotti.

A livello regionale, la Lombardia si conferma come il primo mercato grazie anche a motivazioni storiche. Il mercato della distribuzione automatica nasce infatti nel Dopoguerra e si diffonde a partire dagli anni 60 all’interno delle grandi imprese del Nord Italia dove si sviluppano sia le imprese di fabbricazione delle ending machine che oggi sono un vanto del Made in Italy. Il settore e’ nato col caffe’ e con alcune bevande fredde ma oggi i distributori automatici sono in grado di offrire una vastissima gamma di prodotti: dalle bevande calde, a quelle fredde, agli snack, fino ai pasti pronti. Si sta sviluppando anche un’offerta specifica di prodotti con attenzione alle diverse esigenze nutrizionali e alimentari. Tra le aree di sviluppo l’offerta del non-food, ossia la vendita tramite distributori automatici di altri prodotti (dai prodotti farmaceutici da banco, abbigliamento e altre merceologi e) e l’integrazione del ending col canale fisico dei negozi che attraverso la ending machine possono offrire i propri prodotti 24 ore al giorno e 7 giorni su 7.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Distribuzione automatica, settore da 3,4 miliardi di euro l’anno