Digitale terrestre, il Nord Italia si prepara allo switch off

Piemonte, Emilia Romagna e Lombardia pronte a diventare all digital

Nonostante qualche difficoltà, va avanti il calendario del passaggio al digitale terrestre. Parte del Piemonte e dell‘Emilia Romagna nonché l’intera Lombardia diventeranno  interamente digitali tra il 25 ottobre e il 26 novembre (data dello switch off a Milano).
Alla fine di luglio il numero delle famiglie dotate di almeno un decoder per il Dtt nell’abitazione principale è salito a 17 milioni 326 mila, con un aumento di circa 300 mila unità rispetto a giugno e di oltre 2 milioni dall’inizio dell’anno. La penetrazione della tv digitale terrestre sul totale delle famiglie sale così a fine luglio al 70.3%. Alla stessa data risultano 29 milioni 610 mila decoder Dtt nelle case degli italiani (+700 mila rispetto a giugno), pari al 58.1% del totale televisori.

Ricordiamo che  per vedere la “nuova” tv servirà acquistare un apposito decoder. Questo vale solo per le televisioni vecchie, mentre quelle di nuova generazione hanno già il decoder integrato.
Alcuni cittadini dei comuni interessati dallo switch-over potranno utilizzare un contributo di 50 euro messo a disposizione del ministero dello Sviluppo Economico. Queste sono le credenziali per accedere:
– non aver usufruito, in passato, di un contributo simile;
– essere in regola con il pagamento del canone Rai;
– avere un età pari o superiore ai 65 anni;
– aver dichiarato nel 2009 (redditi 2008) un reddito pari o inferiore ai 10.000 euro.

Il digitale terrestre è un nuovo sistema di trasmissione di canali televisivi che utilizza il linguaggio digitale (lo stesso di quello usato nei computer e nelle moderne macchine fotografiche) come tecnica per garantire una maggiore e migliore diffusione del segnale televisivo.
Attraverso il digitale è possibile diffondere più programmi rispetto al sistema analogico. I canali televisivi possono offrire servizi interattivi con una qualità video e audio sensibilmente migliori.
Il digitale terrestre, come l’analogico, è gratuito, nel senso che non è necessario pagare alcun tipo di abbonamento aggiuntivo rispetto al canone Rai Tv mentre la visione dei canali a pagamento (i cosiddetti canali pay) avverrà attraverso l’acquisto di una smartcard da inserire nel decoder.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Digitale terrestre, il Nord Italia si prepara allo switch off