Didier Drogba indagato: la sua beneficienza non va ai bambini poveri

L'ex centravanti del Chelsea al centro di un caso spinoso

Soltanto l’1% dei soldi raccolti nei vari eventi benefici finisce effettivamente a chi ne ha bisogno; è questa l’accusa rivolta alla fondazione creata dall’ex attaccante del Chelsea Didier Drogba, che ha raccolto oltre 1,7 milioni di sterline negli ultimi anni, da un’inchiesta partita in Gran Bretagna.

Di questo fiume di denaro, donato in varie occasioni da vip e stelle come la principessa Beatrice, David Beckham, Bono, Frank Lampard e Christine Bleakley, soltanto 14.115 sterline sono finite in ‘costruzione di ospedali per i bambini africani’, come promesso, mentre una cifra trenta volte superiore, 439.321 sterline, è servita alla ‘logistica’ per i party di raccolta fondi.

Dubbi anche sui milioni di sterline di sponsorizzazione da Pepsi, Nike e Samsung, che secondo Drogba sono andati anch’essi in beneficenza. Nel bilancio della ‘Charity Commission‘ inglese non ve n’è traccia. Inoltre, la Fondazione Drogba Didier ha rifiutato di rivelare se la stella ha pagato l’imposta sul reddito del Regno Unito su questi pagamenti di sponsorizzazione.

La Charity Commission si è mossa dopo aver visionato un dossier prodotto dal Daily Mail, innanzitutto per verificare se la fondazione abbia ‘fornito informazioni fuorvianti ai donatori e il pubblico’

Rob Wilson, ministro per la società civile, ha detto in proposito che le accuse sono ‘estremamente preoccupanti’, mentre esperti contabili che hanno analizzato i documenti per conto del Mail rivelano che è ‘cristallino’ che ‘praticamente nulla’ uscito dal Regno Unito dalla fondazione è stato speso per attività di beneficenza. Rivelazioni che rappresentano un grave imbarazzo anche per le Nazioni Unite, che ha fatto di Drogba – che gode di status di icona attraverso l’Africa – uno dei suoi Ambasciatori di buona volontà nel 2007. L’ONU ha anche promesso di indagare ulteriormente le affermazioni.

In una serie di rivelazioni, il Daily Mail rivela come la carità:

  • Ha raccolto oltre 1,7 milioni di sterline nel Regno Unito nell’arco di cinque anni, ma speso solo lo 0,8 per cento di questo su buone cause.
  • Ha affermato di essere finanziare la costruzione di un ospedale e di un massimo di altri cinque cliniche – ma ha costruito una sola clinica, che non ha il personale e di apparecchiature mediche.

Drogba, 38 anni, che ha giocato più di 100 volte per il suo paese e in due Coppe del Mondo, è la stella africana di maggior successo nel Regno Unito. Ha vinto numerosi premi e guadagnato più di 200.000 £ a settimana al culmine della sua carriera. Ha lanciato la sua fondazione di beneficenza del Regno Unito nel 2009, quando giocava nel Chelsea. Ora sta spendendo i giorni del crepuscolo sportivo con un lucroso contratto in Canada.

Didier Drogba indagato: la sua beneficienza non va ai bambini pov...