Decretone approvato: Reddito di cittadinanza e Quota 100, le ultime novità

L'aula del Senato ha approvato il decreto legge su Reddito di cittadinanza e quota 100 introducendo diverse novità. Il provvedimento passa ora alla Camera, dove dovrebbero essere sciolti i nodi rimasti nel primo passaggio parlamentare

Stretta ai ‘furbetti’ del divorzio, più privacy, retribuzione minima di 858 euro, certificati degli stranieri, aumento fino a 45.000 euro dell’anticipo del Tfs. L’aula del Senato ha approvato il decreto legge su reddito di cittadinanza e quota 100, con 149 voti favorevoli, 110 contrari e 4 astensioni, introducendo diverse novità. Il provvedimento passa ora alla Camera, per la seconda lettura, dove dovrebbero essere sciolti i nodi rimasti nel primo passaggio parlamentare.

Furbetti del divorzio
Aumentano i controlli per chi chiede di accedere al reddito di cittadinanza e risulta separato o divorziato successivamente al primo settembre 2018. La polizia locale dovrà certificare, con apposito verbale, l’effettivo cambio di residenza del separato/divorziato.

Retribuzione minima
I percettori del reddito di cittadinanza saranno obbligati ad accettare il lavoro solo se la retribuzione sarà superiore a 858 euro. La modifica stabilisce che l’assegno dovrà essere superiore del 10% rispetto “alla misura massima del beneficio fruibile dal singolo individuo (comprensiva della componente ad integrazione del reddito prevista per i nuclei residenti in abitazione in locazione)”. Il reddito di cittadinanza può arrivare fino a un massimo di 780 euro che con un incremento del 10% arriverebbe fino a 858 euro.

Immigrati e certificati
Arriva la stretta sugli immigrati che vorranno ottenere il reddito di cittadinanza. Dovranno produrre una certificazione, rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero, sui requisiti di reddito e patrimoniali e sulla composizione del nucleo familiare. La certificazione deve essere presentata in una versione tradotta in lingua italiana e legalizzata dall’autorità consolare italiana (che ne attesta la conformità all’originale). Sono esclusi dalla certificazione i soggetti aventi lo status di rifugiato politico.

Privacy
In seguito ai rilievi dell’Autorità garante per la privacy viene stabilito che le spese effettuate con la card del reddito di cittadinanza saranno controllate in forma anonima. I controlli relativi alle spese effettuate con le card del reddito di cittadinanza saranno effettuate ”mediante il monitoraggio dei soli importi”. La proposta di modifica stabilisce che le modalità dei controlli dovranno essere fissate ”di concerto con il Garante per la protezione dei dati personali, da adottare entro tre mesi dalla data dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono stabilite le modalità con cui, mediante il monitoraggio dei soli importi complessivamente spesi e prelevati sulla Carta Rdc”.

Condannati
Stop al reddito di cittadinanza per chi è stato condannato in via definitiva e revoca retroattiva, con il conseguente obbligo di restituzione delle somme indebitamente percepite. Il beneficio, inoltre, non potrà essere richiesto nuovamente prima che siano passati dieci anni dalla condanna.

Lavori socialmente utili
I percettori del reddito di cittadinanza dovranno svolgere lavori socialmente utili per un minimo di 8 ore a un massimo di 16 ore settimanali.

Bonus e sanzioni datori di lavoro
I datori di lavoro che assumono persone beneficiarie del reddito di cittadinanza dovranno mantenere il rapporto per almeno 36 mesi, altrimenti perderanno il bonus e dovranno pagare delle sanzioni. E’ inoltre prevista una maxi multa (maggiorata del 20% rispetto alla norma attuale) nei casi di mancata comunicazione dell’instaurazione del rapporto di lavoro con percettori del reddito di cittadinanza. E’ prevista l’esclusione dagli incentivi anche nei casi cui i datori di lavoro che non siano in regola con gli obblighi di assunzione (relativi alle categorie protette).

Precari scuola
I precari della scuola avranno un super punteggio, nel prossimo concorso che sarà bandito. ”Al fine di fronteggiare gli effetti della pensione quota 100 sul sistema scolastico e garantire lo svolgimento dell’attività didattiche” la proposta di modifica stabilisce che nel primo concorso che sarà bandito dopo l’approvazione del provvedimento in esame ”le graduatorie di merito sono predisposte attribuendo ai titoli posseduti un punteggio fino al 40% di quello complessivo”. Tra i titoli valutabili, inoltre, ”è particolarmente valorizzato il servizio svolto presso le istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione, al quale è attribuito un punteggio fino al 50% del punteggio attribuibile ai titoli”.

Uffici giudiziari
”Al fine di far fronte alle gravi scoperture degli uffici giudiziari, derivanti dall’attuazione” della quota 100, è previsto il reclutamento di personale non dirigenziale a tempo indeterminato, in deroga alle norme vigenti, pari a 1.300 posti.

Riscatto contributi
Le persone che vogliono incrementare la propria ‘anzianità’, ai fini del conteggio dei requisiti per andare in pensione, potranno riscattare gli anni necessari versando la somma dovuta in 120 rate (mentre attualmente sono previste 60 rate).

Lavoro nero
E’ prevista la decadenza del reddito di cittadinanza qualora uno dei membri del nucleo familiare sia trovato, nel corso delle attività ispettive svolte dalle competenti autorità, intento a svolgere attività di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa.

Pensione di cittadinanza
Può essere richiesta presso gli istituti di patronato e di assistenza sociale. Ai fini del finanziamento degli istituti di patronato, alla relativa pratica si applica il medesimo punteggio concernente le pratiche inerenti agli assegni sociali.

Tfs
L’anticipo della liquidazione potrà arrivare fino a 45.000 euro (rispetto ai 30.000 previsti attualmente dal decreto). Tutti gli statali che aspettano di ricevere la liquidazione potranno ottenere la quota del trattamento di fine servizio, come previsto dal decreto legge rdc e quota 100. Mentre per coloro che decidono di andare in pensione senza beneficiare di uscite anticipate potranno accedere alla liquidazione dopo tre mesi dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.

In collaborazione con Adnkronos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Decretone approvato: Reddito di cittadinanza e Quota 100, le ultime&nb...