Decreto liberalizzazioni pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. Cosa cambia da subito

Il decreto in vigore dal 24 gennaio rende immediatamente operative alcune misure

E’ nero su bianco. Il decreto-legge sulle liberalizzazioni ha ricevuto la firma del presidente della Repubblica Napolitano ed è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. Porta simbolicamente il n. 1: la prima legge del 2012 sta scatenando le proteste di mezza Italia (e gli applausi dell’altra mezza). Nel testo definitivo ci sono anche minime differenze rispetto a quello diffuso dopo l’ultimo incontro del Consiglio dei ministri.

Con l’entrata in vigore del decreto – il 24 gennaio – alcune  misure diventano immediatamente operative, mentre altre hanno tempi di attuazione differiti o richiedono ulteriori provvedimenti attuativi. Ecco cosa cambia da subito.

• Società facili per i giovani (art. 2): gli under-35 possono costituire una società a responsabilità limitata con 1 euro di capitale sociale.

• Abrogazione delle tariffe professionali (art. 9): sono abolite tutte le tariffe delle categorie professionali (esclusi i medici), sia minime sia massime. Il compenso verrà stabilito dalla “libera contrattazione tra il professionista e il cliente”. Novità dell’ultimo minuto: il preventivo scritto va fornito al cliente “solo se da questi richiesto“.

• Sconti sui farmaci (art. 11): potranno essere venduti scontati anche i farmaci di fascia A (medicinali essenziali e per malattie croniche) ma solo se non non sono rimborsati dal Ssn.

Prodotti non-oil dai benzinai (art. 17): i distributori di carburante potranno vendere prodotti alimentari, giornali e altro.

• Polizze vita abbinate ai mutui (art. 28):  il testo è molto chiaro: “Le banche, gli istituti di credito e gli intermediari  finanziari se condizionano l’erogazione del mutuo alla stipula di un contratto di assicurazione sulla vita sono tenuti  a  sottoporre al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi”.

• Rc auto (artt. 29-32): ”nel caso in cui l’assicurato acconsenta all’istallazione di meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo, denominati scatola nera o equivalenti, i costi sono a carico delle compagnie che praticano inoltre una riduzione rispetto alle tariffe stabilite”. Inoltre chi chiede il risarcimento monetario del sinistro rispetto alla riparazione presso una carrozzeria convenzionata con l’assicuratore avrà una decurtazione della somma del 30%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Decreto liberalizzazioni pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. Cosa cam...