DAZN sanzionata da Antitrust, spot ingannevoli. Ora compensare gli abbonati

Multa per 500mila euro per l’attività promozionale riguardante l’offerta del servizio streaming legata alle partite serie A e serie B nella stagione 2018/19. Altroconsumo lancia la compensazione per gli abbonati

Dopo Sky anche DAZN viene sanzionata per 500mila euro dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, l’istruttoria avviata ad agosto 2018 nei confronti di Perform Investment Limited e Perform Media Services S.r.l. si è conclusa con l’accertamento di due pratiche commerciali scorrette.

Nello specifico DAZN ha diffuso “messaggi pubblicitari attraverso cui veniva enfatizzata la possibilità di fruizione del servizio ‘quando vuoi, dove vuoi’, senza fare alcun riferimento alle limitazioni tecniche che avrebbero potuto, invece, renderla complicata o addirittura impedirla, come hanno dimostrato le difficoltà incontrate in concreto dai consumatori all’inizio della stagione”. Inoltre, sempre in violazione dell’art.21 del Codice del Consumo, Perform Investment Limited e Perform Media Services S.r.l. hanno usato una “modalità ingannevole di adesione al servizio” sul sito web ufficiale di DAZN.

“Al consumatore veniva prospettata la possibilità, registrandosi al sito, di fruire di un mese di prova gratuito, con la precisazione che la registrazione non avrebbe implicato la sottoscrizione di un contratto di abbonamento”, si legge nella nota dell’AGCM. “In realtà, la creazione dell’account determinava, di fatto, la conclusione del contratto del servizio DAZN, che, in assenza di disdetta, avrebbe comportato, dopo il primo mese, l’inizio dell’addebito sistematico dei costi mensili”.

Altroconsumo vede rafforzata la propria azione a tutela della qualità di fruizione video dalla piattaforma di streaming.

Il “quando vuoi, dove vuoi” del messaggio pubblicitario era diventato per problemi tecnici di funzionamento dell’app un vero incubo per i clienti che avevano sottoscritto il servizio (con un mese “gratuito di benvenuto” passato a tentare di vedere qualche immagine) e il joke preferito per gli osservatori delle cose di calcio.

Commenta Ivo Tarantino, responsabile relazioni esterne Altroconsumo: “L’azienda non è stata in grado di mantenere le promesse fatte ai clienti – Altroconsumo da subito aveva raccolto le lamentele di chi aveva sottoscritto il servizio, segnalando all’Antitrust le violazioni del Codice del Consumo. I mesi sono passati e DAZN si è consolidata sul mercato; ora dovrà trovare un modo per rispondere alle aspettative degli utenti. Per questo motivo incontreremo l’azienda dopodomani e cercheremo una via per far sì che i diritti, sia nel pregresso che nel futuro, siano rispettati e compensati”.

Altroconsumo continua a raccogliere adesioni all’azione su www.altroconsumo.it/azioni-collettive/disservizi-dazn

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

DAZN sanzionata da Antitrust, spot ingannevoli. Ora compensare gli&nbs...