Daily Market Report 3 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Il commento e l'analisi quotidiana dei mercati a cura dell'Advisory di Cassa Lombarda

Cassa Lombarda

Azioni: Borse europee di nuovo in calo nella seduta di ieri sui timori per la Grecia. Le principali piazze chiudono in rosso ad eccezione di Londra (+0,33%) e Zurigo (+0,59%). Piazza Affari negativa con i bancari e lusso. Ieri Wall Street ha chiuso poco sotto la parità. Oggi le borse Usa resteranno chiuse per l’Independence Day. Borse di Asia e Pacifico deboli con Shanghai che è arrivata a crollare anche del 6% e cede da metà giugno oltre il 30%. Tokyo si muove a ridosso della parità. Deboli invece Sidney e Seul. In Cina, l’indice PMI servizi è sceso a giugno 51,8 punti da 53,5 del mese precedente. Oggi, con la chiusura di Wall Street e un calendario macro piuttosto scarno, l’attività dei mercati resterà sottotono in attesa di conoscere gli sviluppi della crisi greca.

Obbligazioni: Giornate febbrili per i sondaggisti greci per cercare di interpretare le intenzioni di voto del popolo greco. Secondo un sondaggio del quotidiano Ethnos i “sì” avrebbero la maggioranza delle preferenze con il 44,8% mentre i “no” si fermano al 43,4%; in altro sondaggio commissionato da Bloomberg i “sì” si attestano al 42,5% contro i “no” in vantaggio al 43%. Il rendimento del Btp decennale apre in area 2,31%, sui livelli di ieri. In moderato calo invece il rendimento del Bund decennale a 0,83% (-1,3 bps). Oggi in Grecia il Consiglio di Stato si esprimerà sulla validità del referendum. La corte potrebbe anche decidere di bloccare il referendum, creando ulteriore volatilità. Ieri la Bce ha allungato la lista di titoli acquistabili nell’ambito del piano di QE, includendo anche alcune utilities (v. Enel, Snam, Terna, FS, etc). L’annuncio ha contribuito ad un significativo restringimento degli spread delle utilities (-5,6 bps). Ieri Tsipras ha confermato che lunedì sarà a Bruxelles per firmare un accordo con i creditori in base al risultato del referendum. La Bce rivedrà il livello dei finanziamenti ELA lunedì. Secondo i calcoli del FMI la Grecia avrebbe bisogno di €52 mld di nuovi aiuti finanziari.

Forex: L’EUR si è rafforzato contro dollaro verso area 1,11 dopo la lettura dei payrolls leggermente inferiore alle attese (223k vs 233k stimati e con una revisione al ribasso di 60k sul mese precedente).

Commodities:  Il Petrolio WTI si avvia a chiudere la settimana registrando il peggior calo (ca. -5%) da marzo. A pesare anche l’aumento delle trivellazioni (rig counts) in Usa (+12 a 640, primo dato positivo da dicembre). L’oro si mantiene debole in area $1.167 tra attese per la Grecia e le future mosse della FED.

Dati rilevanti di oggi: In Italia, Francia, Germania ed Eurozona indici PMI servizi e composite finale di giugno. In Eurozona, vendite al dettaglio di maggio. In Brasile, indice PMI servizi e composite di giugno

Daily Market Report 3 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati
Daily Market Report 3 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati