Daily Market Report 24 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati

Il commento e l'analisi quotidiana dei mercati a cura dell'Advisory di Cassa Lombarda

Cassa Lombarda

Azioni: Borse europee positive ed ai massimi delle ultime tre settimane in scia all’ottimismo per un accordo sulla Grecia. Piazza Affari ha tuttavia limato i guadagni sul finire di seduta a seguito di prese di beneficio. Secondo indiscrezioni, la Commissione europea sarebbe pronta ad offrire aiuti per €35 mld alla Grecia, in caso di accordo. Ieri anche le buone letture degli indici PMI hanno sostenuto gli indici, mostrando timidi segnali di ripresa dell’economia. Poco sopra la pari anche Wall Street, grazie anche ai buoni dati dell’immobiliare. Il Nasdaq ha tuttavia chiuso sui nuovi massimi. L’indice Nikkei si è portato sui massimi dal 1996 superando anche il picco toccato nel 2000. In generale, le borse asiatiche sono state spinte dalla fiducia su un accordo per il salvataggio della Grecia e dal distendersi delle tensioni sui mercati internazionali.

Obbligazioni: Lo spread Btp/Bund ha chiuso a 128 punti base, portando il rendimento del decennale italiano al 2,13%, in leggero calo rispetto alla precedente sessione. Ieri il vice cancelliere e ministro dell’Economia tedesco, Sigmar Gabriel ha affermato che "anche un taglio del debito potrebbe non servire a niente se dal giorno successivo [Atene, ndr] riiniziasse ad accumularne di nuovi". Anche ieri la Bce ha aumentato il livello di funding ELA alle banche elleniche. I bond core hanno chiuso pressoché invariati. Gli investitori, dopo il rally di inizio settimana, cercano di capire l’evoluzione dei negoziati. Oggi i Ministri delle Finanze di eurozona si incontreranno nuovamente. Il FMI ha tuttavia dichiarato che la proposta greca si fonda troppo su aumento delle tasse sul lavoro e sul capitale rispetto a tagli alla spesa pubblica. Oggi Tsipras incontrerà a Bruxelles Draghi, Juncker e Lagarde. Ogni eventuale accordo dovrà comunque poi passare dall’approvazione parlamentare in Germania e Grecia. Il Portogallo ha già raccolto tutto il funding del 2015 (€ 13 mld) e punta ad emettere altri €6 mld entro la fine dell’anno per anticipare i fabbisogni del 2016. Il Tesoro portoghese non intende emettere dei bond inflation linked. La Germania emetterà €5 mld in meno di debito nel terzo trimestre rispetto alle indicazioni precedenti grazie ad un più forte aumento delle entrate fiscali.

Forex: USD forte in area 1,116 dopo i commenti di Goldman, che in una nota ha dichiarato che la moneta unica scenderà verso la parità con il dollaro per effetto del QE della Bce. A sostenere la valuta americana anche i commenti "hawkish" di Powell. Ha dichiarato che vede una probabilità del 50% di aumento dei tassi a settembre e la FED dovrebbe aumentare per due volte i tassi quest’anno. Su TRY, ieri la Banca Centrale ha lasciato fermi i tassi, dichiarando che si attende un calo dell’inflazione. Su GBP, ieri Weale della BOE ha dichiarato che la Banca Centrale dovrebbe cominciare ad aumentare i tassi ad agosto a causa della pressioni sui salari.
 
Commodities: Ieri l’oro ha chiuso in ribasso per il secondo giorno consecutivo in area $1.177 l’oncia su minori pressioni per la crisi greca. Ieri il petrolio WTI ha chiuso in rialzo di circa 1% a $61 al barile su calo delle scorte di greggio in Usa.

Dati rilevanti di oggi: In Germania, indice IFO di giugno. In Usa, richieste settimanali di mutui, terza lettura Pil 1Q.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Daily Market Report 24 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati