Daily Market Report 17 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati

Il commento e l'analisi quotidiana dei mercati a cura dell'Advisory di Cassa Lombarda

a cura di 
Cassa Lombarda

 

Azioni: Chiudono con il segno più le borse europee dopo essere rimaste in territorio negativo per oltre metà seduta. Alcuni trader ritengono che siano scattati degli acquisti dopo le forti vendite dei giorni scorsi in scia all’incertezza della questione greca. Ieri lo Zew tedesco di giugno è calato a 31,5 punti da 41,9 e ben sotto il consensus di 37,3. È il terzo mese consecutivo di calo e sui minimi da novembre dell’anno scorso. Milano avanza dello 0,25% grazie, in special modo, alla performance del comparto bancario. Anche Wall Street inverte la rotta con gli indici principali in moderato rialzo. L’attenzione degli operatori è puntata sul vertice Fomc della Fed che terminerà questa sera; sembra esclusa la possibilità di un rialzo dei tassi Usa già a giugno ma i buoni dati macro provenienti da oltreoceano potrebbero indurre la Fed a muoversi. Il FMI nei giorni scorsi aveva comunicato che sarebbe ideale, per la Fed, posticipare al 2016 il primo rialzo dei tassi. Listini cinesi in rialzo dopo due giorni negativi su attese di nuove riforme. Contrastati gli altri indici asiatici e pacifici. Listini giapponesi negativi (Nikkei -0,19%) dopo i deboli dati della bilancia commerciale. 

Obbligazioni: Giornata volatile sui bond governativi periferici di Eurozona a causa della crisi greca. Il rendimento del Btp decennale è ieri salito fino a 2,46% (massimo dal 30 ottobre) per poi chiudere a 2,3%. Anche il benchmark spagnolo decennale era salito oltre 2,5% per la prima volta in dieci mesi, per poi chiudere a 2,32%. Ieri la Bce ha ottenuto il via libera dalla Corte di Giustizia Ue al piano OMT. Ieri l’Austria ha emesso via sindacato bancario un nuovo benchmark decennale per €4 mld scadenza 10/2025 a MS + 5 bps, in linea con la guidance. Grazie all’emissione il Tesoro ha completato il 62% del funding dell’anno. In Germania, il Tesoro offre €3 mld di bund a 10 anni. In Grecia, il Tesoro offre €1 mld di titoli di Stato a 3 mesi. In Portogallo, il Tesoro offre €1-1,25 mld di titoli di Stato a 3 e a 11 mesi. 

Forex: L’EUR dopo aver toccato il livello di 1,134 nella mattina di ieri, si è indebolito verso area 1,123 aa fronte dell’incertezza sulla Grecia. Oggi gli operatori guarderanno con attenzione all’esito del FOMC della FED. In particolare, se i “dots” (previsioni dei tassi dei membri del FOMC) venissero rivisti al ribasso potrebbe essere temporaneamente negativo per il dollaro. GBP positiva ieri con l’inflazione che a maggio è tornata positiva dopo esser stata negativa in aprile per la prima volta in 55 anni (+0,1% a/a vs -0,1% a/a). L’aumento del dato core è stato però inferiore alle attese da +0,8% a/a a +0,9% a/a.

Commodities: Oro in area $1.180 l’oncia. Petrolio in recupero verso area $60 al barile su calo delle scorte in Usa.

Dati rilevanti di oggi: In Italia, saldo della bilancia commerciale di aprile. In UK, sussidi di disoccupazione di maggio e tasso di disoccupazione. In Eurozona, output del settore costruzioni di aprile, inflazione di maggio finale. In Usa, richieste settimanali di mutui, decisione di politica monetaria della FED.

Daily Market Report 17 Giugno 2015. Il bollettino dei mercati