Daily Market Report 16 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Il commento e l'analisi quotidiana dei mercati a cura dell'Advisory di Cassa Lombarda

Cassa Lombarda

Azioni:  Piazza Affari ieri maglia rosa d’Europa, beneficiando del rialzo dei titoli delle banche, tutte ben impostate. Positive le altre piazza europee, mentre invariata Londra. Wall Street ha chiuso debole con l’indice Dow Jones che ha ceduto lo 0,02%, mentre l’indice tecnologico Nasdaq ha lasciato sul terreno lo 0,12%. In guadagno BofA (+3,2%) e BlackRock (+1,1%) che hanno pubblicato conti superiori alle attese. Nella nottata il parlamento greco ha approvato il piano di austerità richiesto dai creditori internazionali con 229 sì su 300. 32 membri del partito Syriza hanno votato contro (incluso l’ex ministro Yanis Varoufakis). Oggi gli occhi si puntano sull’Eurogruppo – chiamato in conference call ad analizzare la possibilità di stanziare €7 mld di prestito ponte, necessari a rispettare le scadenze finanziarie più immediate di Atene – e sulla Bce, che dovrebbe decidere sul programma d’emergenza Ela, che ha fornito quasi 90 miliardi di liquidità alle banche elleniche. Il board Bce potrebbe decidere anche di attendere lunedì 20 luglio prima di aumentare il tetto dell’ELA (in quella stessa data la Grecia dovrà rimborsare €4,2 mld alla Bce). Il Parlamento tedesco è invece chiamato a votare sul piano di aiuti alla Grecia questo venerdì. Buona performance dei listini asiatici: la Borsa di Tokyo ha chiuso con un rialzo dello 0,67% dell’indice Nikkei; bene anche il Topix che ha recuperato lo 0,88%, così come è in terreno positivo Shanghai. Positivi i dati di immatricolazioni auto in Europa, a conferma della ripresa in corso.

Obbligazioni: Ieri il rendimento del Btp decennale è nuovamente tornato sotto la soglia del 2% per la prima volta da inizio giugno. Questa settimana le scadenze di obbligazioni governative di Eurozona saranno in area €41 mld da Austria, Olanda e Italia. Nel solo mese di luglio le scadenze ed i pagamenti di cedole in Eurozona saranno superiori a €100 mld, contribuendo a stabilizzare il mercato. Ieri la Commissione europea propone di concedere subito alla Grecia un prestito ponte da €7 mld della durata di tre mesi attraverso l’Efsm subordinato al varo del primo pacchetto di riforme. Il prestito dovrebbe essere rimborsato attraverso i fondi che saranno poi erogati con il programma di aiuti finanziari da €86 mld. Lo spread Btp-Bund parte in ribasso: il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi si attesta in avvio a 115 punti base dai 117 registrati ieri in chiusura. Oggi la Spagna emette l’on the run 3-yr Bono (0.25% 02/2018), il 10-yr Obligacion (2.15% 10/2025), il 15-yr Obligacion (1.95% 07/2030) e l’off the run Obligacion (4.7% 07/2041) per un totale di €5.5-6.5 mld. La Franciaemette l’on the run 3-yr OAT (0% 02/2018), l’on the run 5-yr OAT (0% 05/2020) e l’off the run OAT (3.75% 04/2021) per un totale di €7-8 mld.

Forex: Su EUR attesa oggi la decisione di politica monetaria della BCE. Di particolare interesse la conferenza stampa di Draghi in particolare per gli sviluppi della crisi greca. Ieri Janet Yellen ha confermato come probabile più avanti nell’anno il primo rialzo dei tassi in Usa (molti analisti si attendono settembre). La Yellen ha tuttavia dichiarato che gli sviluppi esteri (v. Grecia) pongono alcuni rischi alla crescita Usa. Il Beige Book è emerso che l’attività economica americana si è espansa a un ritmo passato da «modesto» a «moderato» tra la metà di maggio e la fine di giugno. CAD debole ieri dopo la decisione di politica monetaria della BOC. La Banca Centrale ha per la seconda volta quest’anno tagliato i tassi ufficiali (a 0,50% da 0,75% di gennaio) a causa della debolezza del greggio. Sono state tagliate anche le proiezioni economiche. BRL debole su incertezze nel percorso di consolidamento fiscale. Secondo il giornale Folha de S.Paulo, il Senato non voterà uno scudo fiscale che avrebbe permesso il rimpatrio di 300 mld di reais ($93 mld) senza subire accuse di evasione fiscale. Il governo presenterà questa settimana a Moody’s le misure di aggiustamento fiscale previste ed a breve è attesa una decisione dell’agenzia di rating (molti danno per scontato un taglio del rating sovrano). NZD debole stamattina su calo dei prezzi del latte in polvere.

Commodities: Petrolio ieri in calo del 3% a $51,4 sui minimi degli ultimi tre mesi. Oro in calo su attese che la FED alzi i tassi già quest’anno.

Dati rilevanti di oggi: In Italia, saldo della bilancia commerciale di maggio. In Eurozona, inflazione di giugno. In Usa, sussidi settimanali di disoccupazione, indice Philly FED di luglio ed indice di fiducia dei costruttori edili (NAHB) di luglio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Daily Market Report 16 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati