Daily Market Report 14 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Il commento e l'analisi quotidiana dei mercati a cura dell'Advisory di Cassa Lombarda

Cassa Lombarda

Azioni:  Positive le borse internazionali in apertura di settimana in scia all’accettazione da parte di Tsipras del piano di riforme necessario a sbloccare gli aiuti finanziari dell’Esm quantificati in €86 mld. Le borse europee partite in frazionale rialzo hanno subito accelerato per chiudere in progresso mediamente oltre l’1,5%. Chiusura positiva per gli indici di Wall Street, oggi la stagione delle trimestrali entrerà nel vivo con i conti di JP Morgan e Wells Fargo. In Asia avanza dell’1,5% il Nikkei mentre cedono leggermente terreno gli indici cinesi e Hong Kong dopo il rally dei giorni scorsi. Intorno alla parità i listini europei nei primi scambi.

Obbligazioni:  Giornata di rally per i governativi della periferia europea. In scia all’accordo raggiunto a Bruxelles gli investitori sono tornati a guardare con interesse i rendimenti offerti dai titoli di stato della periferia con acquisti importanti che hanno fatto restringere gli spread di oltre 10 bps. Nonostante l’importante offerta di titoli a medio-lungo di ieri del Tesoro, €7,5 mld completamente coperti, anche il Btp ha beneficiato degli acquisti che hanno nuovamente abbassato il rendimento offerto in area 2,10%. L’accordo tra la Grecia e i 18 partner europei è giunto al termine dell’Eurosummit più lungo della storia, oltre 17 ore di trattative, e prevede che entro mercoledì il Parlamento greco approvi le riforme concordate con i creditori, solo allora partirà la messa a punto tecnica dell’intervento dell’Esm, che per stessa dichiarazione del presidente Djsselblom richiederà tempo. Tuttavia da Atene già si registrano segnali di spaccatura all’interno di Syriza con molti deputati che non voteranno l’accettazione del piano i cui capisaldi sono la modifica delle aliquote Iva, la riforma del sistema pensionistico, l’abolizione delle baby-pensioni, tagli alla spesa militare e incremento delle tasse ad armatori e isole. Treasuries in forte apprezzamento.

Forex: EURO debole contro Usd in area 1,10. Il biglietto verde si apprezza in vista dell’audizione, domani e giovedì, del governatore Fed Yellen al Congresso americano da cui si potrebbero avere indicazioni più precise sul timing di rialzo dei tassi, per la prima volta dal 2006, fermi ormai dal 2008 al livello record dello 0-0,25%. TRY in recupero, l’ormai imminente accordo sul nucleare iraniano per la maggior offerta di petrolio che terrà bassi i prezzi e favorirà l’economia turca. Cede invece la NOK sulla debolezza del petrolio. BRL in forte recupero sulle dichiarazioni del Ministro del Tesoro Barbosa che il paese rispetterà i suoi target di bilancio per il 2015. In lieve flessione lo yen JPY sullo scemare delle tensioni internazionali. AUD tonico sui dati della “business condfidence” salita ai massimi dall’elezione del primo ministro Abbott nel settembre 2013.

Commodities:   Petrolio debole, cede oltre il 2%, sul rumour che si sarebbe raggiunto l’accordo sul nucleare iraniano. Poco mosse le quotazioni dell’oro, in flessione di circa l’1% l’argento.

Dati rilevanti di oggi: Inflazione di giugno in Italia e Regno Unito. Produzione industriale di maggio in Eurozona. Indagine Zew di luglio in Germania e Eurozona. Negli Stati Uniti vendite al dettaglio di giugno.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Daily Market Report 14 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati