Daily Market Report 10 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati

Il commento e l'analisi quotidiana dei mercati a cura dell'Advisory di Cassa Lombarda

Cassa Lombarda

Azioni:  Giornata di forti rialzi sui listini internazionali quella di ieri. Le borse europee hanno aperto la seduta in territorio leggermente positivo per poi accelerare ulteriormente e chiudere con rialzi diffusamente superiori al 2,5%. Milano avanza del 3,51% con acquisti diffusi su tutti i componenti dell’indice FtseMib ad eccezione di Saipem dopo l’ufficialità che Gazprom ha rescisso il contratto per la costruzione del gasdotto Southstream. Wall Street recupera parte delle perdite delle precedenti sedute grazie al buon avvio della stagione delle trimestrali con Alcoa e Pepsi che hanno battuto le stime. La stagione entrerà nel clou la prossima settimana con la pubblicazione delle trimestrali dei bancari e degli industriali. Dopo alcune sessioni in profondo rosso i listini cinesi mettono a segno il maggior guadagno in due giorni dal 2008 grazie alle misure drastiche introdotte dal Governo per frenare le vendite quali blocco delle Ipo e divieto totale di short selling. Nell’ultimo mese sulla borsa cinese sono andati persi 3.900 mld di yuan di capitalizzazione e tuttora 1.365 azioni sono sospese dalle contrattazioni. Archivia la seduta in lieve flessione il Nikkei che arretra dello 0,38%. Apertura in forte rialzo per i listini europei sull’ottimismo che Grecia e creditori arriveranno ad un accordo per sbloccare gli aiuti.

Obbligazioni:  Scattano in apertura di contrattazioni i governativi periferici europei sulla possibile risoluzione della crisi greca dopo che Tsipras ha presentato una lista di riforme, da €10-12 mld, volta ad ottenere aiuti per €53 mld circa nei prossimi tre anni. Il piano di riforme, che include aumento delle tasse agli armatori, tagli alla difesa, privatizzazioni, aumento dell’Iva anche sulle isole e riforma del sistema pensionistico sarà votato oggi dal parlamento greco e domenica al Summit dei capi di stato europei. Sul tema dell’enorme debito greco si registra la condivisione di Schauble all’analisi del Fmi secondo cui il debito greco è insostenibile senza un haircut. Schauble ha però escluso un haircut diretto ma apre all’ipotesi di revisione delle scadenze e al taglio degli interessi sullo stesso. Il Btp benchmark decennale avanza di una figura portando il rendimento offerto al 2,05% con lo spread verso i Bund tedeschi a 124 bps registrando il movimento più forte dal gennaio 2013. Di contrasto si registrano prese di beneficio sugli asset più sicuri quali Bund, Treasuries e titoli di stato Australiani. In questo contesto odierno favorevole alla periferia europea inizia oggi la tornata d’aste di metà mese del Tesoro Italiano. Oggi saranno offerti in asta €6,5 mld di Bot annuali, a fronte di stesso importo in scadenza, mentre lunedì sarà la volta delle aste di medio-lungo per €7,5 mld totali. Ieri il Fmi si è espresso sul Pil italiano che crescerà più delle attese nel 2015 e 2016 pur rimanendo al di sotto della media europea vista in area 1,5%. Nel dettaglio la crescita è vista a +0,7% quest’anno e +1,2% l’anno prossimo in rialzo rispettivamente di +0,2% e 0,1% rispetto alle previsioni di aprile. Allo stesso tempo il Fmi ha tagliato le stime di crescita globale per il 2015 al 3,3% con un taglio dello 0,2% rispetto ad aprile, invariata la previsione per +3,8% di crescita nel 2016.

Forex: L’Euro prosegue il suo trading range in area 1,0950 – 1,11 in funzione del newsflow inerente la crisi greca. In Francia la produzione industriale a maggio è salita dello 0,4% come da attese. JPY in calo sullo scemare delle tensioni sui mercati. In lieve recupero ieri le valute ad alto rendimento quali Brl e Try.

Commodities:   Rimbalza il petrolio in una giornata caratterizzata dagli acquisti su asset rischiosi. Poco mosse le quotazioni dei metalli preziosi.

Dati rilevanti di oggi: In Italia produzione industriale di maggio. Bilancia commerciale di maggio nel Regno Unito. Disoccupazione di giugno in Canada.

Daily Market Report 10 Luglio 2015. Il bollettino dei mercati