C’è una criptovaluta nata per i fotografi, e a crearla è stata Kodak

Si chiama KodakCoin, ed è la moneta virtuale lanciata da Kodak. L’obiettivo? Aiutare i fotografi a proteggere le loro opere.

Parlando di criptovaluta, il primo nome che viene in mente è – ovviamente – BitCoin. Eppure, il settore è in continua crescita, e di criptovalute ne nascono in continuazione. Ultima in ordine di tempo, l’interessante moneta virtuale lanciata da Kodak, la famosa multinazionale leader nella produzione di pellicole fotografiche. Operando in un settore sempre più digitalizzato, l’azienda americana ha deciso di stare al passo con i tempi, e l’ha fatto in un modo inaspettato: lanciando il KodakCoin, una criptovaluta definita “fotocentrica” che, come si legge nel comunicato stampa diffuso, “permetterà fotografi e agenzie di avere un maggiore controllo nella gestione dei diritti dell’immagine”.

Perché, ovviamente, è a loro che Kodak si rivolge: ai fotografi, che potranno utilizzarla sulla piattaforma KodakOne (basata sulla tecnologia blockchain e realizzata in collaborazione con la società specializzata nel riconoscimento delle immagini e nei sistemi di monetizzazione Wenn digital). Qui, in un registro che è una sorta di libro mastro (criptato e digitale), i professionisti e gli amatori che siano proprietari dei diritti d’immagine si possono registrare per concedere licenze sui loro lavori, quelli nuovi come quelli vecchi. Attraverso il KodakCoin, potranno quindi ricevere pagamenti per l’autorizzazione dei propri lavori subito dopo la vendita, e le loro opere saranno messe in sicurezza e protette da un utilizzo da parte di terzi non autorizzati: KodakOne analizzerà infatti il web, per accertarsi che non vengano usate immagini registrate da chi non ne ha il permesso, cancellando eventuali abusi e pagando poi il fotografo che le ha scattate.

Il 31 gennaio, Kodak lancerà un’offerta pubblica – a cui potranno partecipare investitori di specificate nazioni, come gli USA e il Regno Unito – per l’acquisto della criptovaluta. Una notizia, questa, che la Borsa ha accolto con entusiasmo: a New York, il valore del suo titolo, nel giorno dell’annuncio, è salito da 3.7 dollari per azione a 6.8. E mira ad essere, per l’azienda, un vero rilancio: a seguito della crisi, la multinazionale si era dovuta convertire alla produzione di macchine per la stampa editoriale e industriale, ma aveva comunque visto gli utili calare gradualmente. Ora, con l’ideazione del KodakCoin, spera in un definitivo rilancio, per tornare nell’olimpo della fotografia.

C’è una criptovaluta nata per i fotografi, e a crearla è stata...