Covid in America prima che in Cina? Lo studio che ribalta tutto

Anche negli Usa è emersa la presenza del virus già prima di Natale 2019, rilanciando dubbi e accuse incrociate.

Da dove origina il virus? Il mercato cinese di Wuhan è davvero una certezza nel momento in cui si susseguono studi scientifici che dimostrano come il Covid-19 fosse già presente in altre zone del mondo ben prima di gennaio 2020? Dubbi che permangono e che gettano ovviamente un’ombra anche sui rapporti fra paesi, Usa e Cina in primis.

Perché la questione non riguarda tanto l’origine ‘tecnica’ del virus – se sia la conseguenza di uno spillover da pipistrello, come evidenziato, o se si sia trattato di qualche ‘errore’ di laboratorio – ma proprio sull’origine geografica dello stesso.

Si sono già registrati diversi studi che dimostrano come il virus circolasse in Europa ben prima del Natale scorso. In Italia, il Coronavirus circolava in modo asintomatico ben prima non solo dell’ormai famoso paziente 1 Mattia del 21 febbraio, dunque, ma anche prima di dicembre, mese che era stato indicato dall’Istituto Superiore di Sanità sulla base dei risultati di una ricerca condotta sulle acque reflue di Milano e Torino.

Il Covid circolava dunque in Italia in modo asintomatico già a settembre 2019. Lo studio dell’Istituto Tumori di Milano in collaborazione con l’Università di Siena ha analizzato i campioni di sangue prelevati tra settembre 2019 e marzo 2020 ai partecipanti ad uno screening sul tumore al polmone, per monitorare la data di insorgenza, la frequenza e le variazioni temporali e geografiche nelle Regioni italiane.

Risultati simili da uno studio francese, che testimonia come la vera prima ondata Oltralpe sia avvenuta nel dicembre 2019. E ci sono ricerche simili anche in Spagna, Regno Unito, Brasile.

Lo studio americano della CDC, pubblicato lunedì, ha rivelato che 39 campioni di sangue presi tra il 13 e il 16 dicembre dello scorso anno in California, Oregon e Washington, sono risultati positivi agli anticorpi del Coronavirus, significa che le persone erano state infettate nelle settimane precedenti.

Si tratta della prima traccia del virus sul suolo statunitense, e altri 67 campioni tra il 30 dicembre e il 17 gennaio sono risultati positivi in Connecticut, Iowa, Massachusetts, Michigan, Rhode Island e Wisconsin. Dunque ben prima dell’allarme Wuhan.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid in America prima che in Cina? Lo studio che ribalta tutto