Coronavirus, soldi ai pensionati e pagamento affitti: il piano di De Luca

Il piano di Vincenzo De Luca per combattere l'emergenza Coronavirus in Campania

Vincenzo De Luca è stato sicuramente uno dei protagonisti politici che più si è distinto durante l’emergenza Coronavirus. I suoi “inviti”a rimanere a casa piuttosto coloriti e le esortazioni a rispettare le disposizioni contenitive del Governo (anche queste spesso sopra le righe) hanno inevitabilmente attirato l’attenzione di molti, che adesso si chiedono come il Presidente della Campania ha intenzione di gestire i soldi pubblici della Regione destinati a fronteggiare gli effetti del Covid-19.

Sostegni a imprese e famiglie: il piano di De Luca

Il piano socio-economico anti crisi della Regione Campania è stato definito dal Presidente Vincenzo De Luca tenendo conto delle proposte arrivate dai vari gruppi politici, le organizzazioni sindacali e imprenditoriali, le istituzioni locali e le associazioni di volontariato e religiose del territorio. Per combattere le conseguenze negative con le quali famiglie e imprese dovranno fare i conti nei prossimi mesi, sono stati stanziati ben oltre 604 milioni di euro.

Come si legge nella nota emanata dalla Regione, aiuti economici saranno riconosciuti alle famiglie più in difficoltà (come quelli con disabili), alle imprese commerciali, artigiane e industriali, ma anche ad altri professionisti. Bonus specifici verranno erogati per esempio agli autonomi ma anche alle aziende agricole e delle pesca (per i quali sono stati stanziati 220 milioni di euro), e 30 milioni di euro saranno destinati al comparto turismo, uno dei settori più provato da questa emergenza.

Interventi di sostegno sono stati poi approvati per garantire tutti i servizi socio-assistenziali regionali e azioni di recupero redistribuzione delle eccedenze alimentari sono state già programmate su tutto il territorio.

Ai pensionati 1.000 euro per due mesi

Tra gli interventi approvati da De Luca quello che salta più all’occhio è il contributo economico che il Presidente ha intenzione di riconoscere ai titolari di pensioni minime. Già in questi giorni i sindacati hanno più volte rivolto i loro appelli al Governo affinché tenesse conto dei pensionati più in difficoltà e, tra proposte di riforma e richieste di intervento specifiche, non sono mancate nemmeno le accuse rivolte all’Esecutivo.

In questo contesto, dunque, l’azione del Presidente campano si fa notare. La Regione ha infatti approvato un sostengo straordinario a favore dei pensionati titolari di pensioni sociali e assegni Inps: per due mesi (maggio e giugno per la precisione) ai soggetti che percepiscono assegni pensionistici di importo minore a 1.000 euro verrà riconosciuto un contributo che assicuri loro un’entrata minima di 1.000 euro al mese.

Questo vuol dire che, considerando che in Campania l’importo medio degli oltre 75 mila titolari di pensioni minime è mediamente pari a 497 euro, la Regione dovrà sborsare in media 503 euro per ogni persona interessata, così da assicurare i 1.000 euro al mese promessi per i prossimi due mesi.

Sostegno per gli affitti e ai lavoratori stagionali

Nel piano di Vincenzo De Luca sono stati definiti anche interventi specifici di sostegno per la casa e il lavoro precario. Chi si trova in difficoltà e non è in grado di pagare l’affitto per comprovate ragioni legate all’emergenza socio-economica, infatti, potrà contare sul sostegno al fitto delle abitazioni principali riconosciuto dalla Regione Campania. Questo intervento va a sommarsi al fondo di solidarietà inquilini, al sostegno al fitto dei locali commerciali e ai contributi sui mutui prima casa.

Sul piano occupazione, De Luca ha disposto infine l’erogazione di un contributo pari a 300 euro mensili (riconosciuto per 4 mensilità) pensando ai tanti lavoratori stagionali della Regione. Tale importo verrà erogato direttamente dall’Inps attraverso il ricorso alle banche dati dell’Istituto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, soldi ai pensionati e pagamento affitti: il piano di De L...