Conviene prelevare contante dal bancomat o con carte di credito?

Prelevate con carta di credito o con carta di debito: quali sono le commissioni che vengono applicate. 

Le carte di pagamento non sono tutte uguali e per valutarne la convenienza in merito al prelievo di contanti è doveroso comprendere prima le principali differenze. In questo caso, quelle che intercorrono tra carta di credito e bancomat

Si tratta di due carte che sono collegate al conto corrente, ma funzionano in modo differente: il bancomat (o carta di debito) viene solitamente fornito nel momento esatto in cui si attiva un nuovo conto corrente. 

I pagamenti avvengono in modo immediato, nel senso che i soldi vengono sottratti direttamente dal proprio conto. La carta di credito, invece, funziona in modo differente, in quanto l’importo non viene scalato in automatico dal proprio conto. 

Ciò permette di poter distinguere tra carta di credito a saldo, in cui quanto speso viene scalato in una data ben precisa, il mese successivo, e carta di credito a rate, in cui gli importi sostenuti vengono saldati in piccole rate, come se si trattasse di un vero e proprio finanziamento. 

Le carte di credito, inoltre, richiedono solitamente delle garanzie reddituali e sono caratterizzate dal pagamento di un canone mensile, in genere assente nel caso delle carte di debito. 

Confronta le migliori carte di credito e di debito

Prelievo di contante: meglio il bancomat o la carta di credito?

Una delle condizioni da verificare nel momento in cui si effettua un confronto tra il bancomat e una carta di credito è relativa alle commissioni che vengono applicate sui prelievi di contante allo sportello. 

Una prima precisazione, è la seguente: il prelievo molto spesso è gratuito quando viene effettuato presso uno sportello della propria banca, mentre possono essere previste delle commissioni nel caso di prelievo presso l’ATM di altre banche. Solitamente, il bancomat prevede l’assenza di costi nel caso in cui il prelievo venga effettuato presso la propria banca, mentre per i prelievi presso gli ATM di altre banche, potrebbero essere applicate delle commissioni. 

Tali costi sono solitamente azzerati nel caso dei conti correnti online che, sempre più spesso, prevedono tra i loro vantaggi l’assenza di costi per i prelievi di contante presso gli ATM di altre banche. Passando alle carte di credito, invece, sono solitamente previste delle commissioni per il prelievo di contante presso gli ATM, che in molti casi possono rendere poco conveniente questa operazione. 

Facendo un discorso più ampio, le carte di pagamento nascono proprio per fare in modo che l’utilizzo eccessivo e fuori controllo del contante diventi un’abitudine sempre meno diffusa (l’Italia è ancora molto indietro sotto questo punto di vista rispetto ad altri Paesi europei). 

La carta di pagamento mira a una sempre maggiore diffusione dei pagamenti elettronici, che sono tracciabili, e quindi sono un mezzo utilizzato anche per combattere l’evasione fiscale, sicuri, pratici da utilizzare, e convenienti: oggi sono infatti disponibili diversi programmi di cashback con i quali si possono ricevere rimborsi immediati su quanto speso con l’utilizzo della carta. 

Scegli una carta di credito online: le migliori soluzioni per risparmiare

Cosa scegliere tra carta di credito e bancomat?

Si tratta di una domanda alla quale non si può dare una sola risposta: il bancomat si riceverà in automatico all’apertura del conto corrente, mentre la carta di credito dovrà essere richiesta. 

Oggi ci sono ancora dei servizi per i quali è necessario pagare con la carta di credito (si pensi al noleggio di automobili per periodo medio-brevi o all’acquisto di uno smartphone a rate), quindi in alcuni casi potrebbe essere comunque necessario averne una. 

Una delle soluzioni più convenienti da prendere in considerazione è la sottoscrizione di un conto corrente online, con il quale si potrà avere accesso anche a tanti altri vantaggi, quali:

  • non pagare il canone mensile di gestione, che spesso è a costo zero;
  • non pagare l’imposta di bollo, se dovuta, che è a carico dell’istituto di credito;
  • avere accesso a servizi bancari gratuiti, come per esempio i bonifici online. 

Attiva un conto corrente online con bancomat incluso

Un’analisi comparativa con l’utilizzo di un tool è il modo migliore per riuscire a trovare con facilità e velocità il conto corrente online che si adatta meglio alle proprie esigenze di gestione. Tra i parametri che si potranno valutare, ci sono per esempio quelli relativi ai costi del canone delle carte di credito richiedibili e alle condizioni reddituali che si dovranno rispettare (la prima è quasi sempre la residenza in Italia, ma ce ne sono altre legate al reddito, che dipendono dal prestigio della carta).

L’obiettivo che si dovrebbe cercare di raggiungere consiste nel limitare sempre più l’utilizzo del contante e utilizzare bancomat e carte di credito proprio per la funzione per le quali sono stati creati, ovvero il pagamento elettronico (si ricorda che il Pos sarà obbligatorio a partire dal 2023).