Conviene ancora attivare un conto corrente? Tutti i vantaggi e le alternative

Conviene ancora attivare un conto corrente? Tutti i vantaggi e le alternative

Il conto corrente è lo strumento tradizionalmente utilizzato dagli italiani per la gestione dei risparmi, solo che, negli ultimi anni, viene spesso associato alla parola “stangata” e a un aumento vertiginoso dei costi.

Perché devo spendere dei soldi per tenere i soldi fermi? Non avrebbe più senso tenerli nascosti in casa? Sono domande che diversi ex correntisti che hanno scelto di chiudere il proprio conto corrente si sono posti. 

Tuttavia, ci sono alcune considerazioni da fare su questo tema, che potrebbero portare a rivalutare lo strumento del conto corrente, attraverso un risparmio consapevole e reale: l’attivazione di un conto corrente online

Conviene attivare un conto corrente? Scopri di più 

I conti correnti online convengono? 

Facciamo un passo indietro e torniamo all’ipotesi in cui i soldi non si tengono in banca, ma a casa. Cosa potrebbe succedere? La casistica peggiore è quella in cui qualcuno li rubi, ipotesi molto più probabile rispetto al furto dei soldi dal conto corrente – che rimane uno strumento più sicuro nonostante il pullulare delle truffe online

Tenere i soldi fermi in casa significherebbe, inoltre, metterli sulla strada di un’erosione certa. Potrebbe succedere anche con un conto, se si hanno tanti soldi, ecco perché conviene sempre diversificare i propri risparmi

Nonostante ciò, avere un conto corrente potrebbe aiutare il suo possessore a gestire i soldi in modo più consapevole, per esempio creando dei salvadanai digitali di risparmio o monitorando in modo costante le proprie spese. 

Usiamo il termine digitale perché oggi consigliamo non tanto di rinunciare all’avere un conto, quanto procedere con la sottoscrizione di un conto corrente online a zero spese, soluzione che conviene davvero (se scelta con attenzione) per una serie di motivi. 

Un conto corrente online si definisce a zero spese se:

  • non prevede il canone mensile di gestione;
  • azzera anche la tradizionale imposta di bollo che si paga per giacenze trimestrali superiori a 5.000 euro, che diventa a carico della banca;
  • non prevede costi per operazioni comuni e basilari, quali per esempio i bonifici online o il prelievo di contanti, in particolare presso gli ATM di altre banche, o all’estero, con un’altra valuta;
  • offre servizi aggiuntivi a costo zero, come libretti degli assegni o carte di pagamento, da poter utilizzare in tutto il mondo. 

Quali sono i conti correnti più convenienti

Conto corrente online: a cosa prestare attenzione

I conti correnti online non sono tutti uguali: ci sono infatti alcune soluzioni che risultano a zero spese soltanto all’inizio, ovvero nel momento in cui si cerca di convincere nuovi clienti a sottoscrivere una determinata offerta. 

In altri casi, la gratuità del canone mensile di gestione è per sempre. In altri ancora – e sono quelli da tenere d’occhio – potrebbero essere previste alcune condizioni che permettono di azzerare il costo del canone. Per esempio, si potrebbe trattare di una cifra minima da spendere ogni mese con l’utilizzo della carta associata al conto. 

Non si tratta – tranne che per i conti di tipo premium – di cifre esorbitanti, ma di spese che si possono raggiungere facilmente, soprattutto se si hanno spese periodiche come il pagamento di un affitto o la rata del mutuo, puntando quasi esclusivamente sull’utilizzo di strumenti di pagamento elettronico. 

Un conto online può inoltre essere più conveniente di altri:

  1. se è facile da gestire, quindi se è dotato di piattaforme di home e mobile banking user-friendly e gratuite, da imparare a usare senza particolari complicazioni, anche se non si è particolarmente avvezzi con l’uso di PC e app;
  2. prevede delle carte di pagamento gratuite, come la carta di debito, include nel conto;
  3. dà la possibilità di richiedere con una certa facilità uno strumento di pagamento come la carta di credito, che potrebbe essere utile e necessaria in determinati contesti, come l’acquisto di un telefono a rate con un operatore di telefonia mobile. 

Un conto online, poi, potrebbe prevedere delle condizioni particolari soltanto per particolari categorie di utenti: è per esempio il caso di conti correnti per giovani (in genere under 30 o under 35) che prevedono sconti e condizioni di gratuità particolari, legate proprio all’età.

Scopri quali sono i conti correnti per risparmiare di più

Cosa succede se non voglio un conto corrente?

Nonostante le possibilità di proposte di conti correnti online, ci sono alcuni utenti che non vogliono più avere un conto corrente. Un esempio è rappresentato dai pensionati. Cosa potrebbero fare?

La soluzione consiste nella scelta di una carta conto con IBAN, sulla quale sarebbe comunque possibile ricevere la pensione (o lo stipendio), che non è collegata a un conto, ma presenta una sua autonomia. 

Il vantaggio principale è rappresentato dai bassi costi di gestione e dalla possibilità di essere utilizzata anche per gli acquisti.